L'avvocato del giorno

Manfredi Olivetti Rason, partner di Olivetti Rason e Associati

22 febbraio 2016


L'Avvocato Manfredi Olivetti Rason, socio dell'omonimo studio dal 2006, lavora presso le sedi di Firenze e Milano; iscritto all'Albo degli Avvocati di Milano coniuga l'attività legale con quella di collaboratore alla cattedra di Istituzioni di Diritto Costituzionale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Firenze. Le sue principali competenze vertono sul diritto dell'informazione e della comunicazione e sul diritto dell'ambiente.
Negli ultimi anni ha incentrato la sua attività nella consulenza legale in ambito societario, oltre ad aver sviluppato la propria esperienza nella contrattualistica, occupandosi spesso di fusioni e acquisizioni e cessioni di aziende.
Per quanto riguarda l'attività derivata dal contenzioso, oltre a quello davanti alla giurisdizione ordinaria ed amministrativa, ha maturato esperienza nelle di procedure arbitrali, partecipando
come difensore ad arbitrati nazionali o internazionali amministrati dalla Camera Arbitrale Nazionale ed Internazionale di Milano.
La pluriennale esperienza, di Manfredi Olivetti Rason, e i numerosi traguardi raggiunti, oltre ad un portfolio clienti di grande rilevanza, riassumono il profilo di quest' avvocato, che nell'iconografia classica dell'arte figurativa potrebbe incarnare l'immagine del professionista di successo.
LA FORMAZIONE
Come nasce la sua passione per il diritto?

La mia storia, prima di studente in Giurisprudenza e poi di avvocato, inizia da una profonda passione per quella che forse si potrebbe definire il principale retaggio familiare degli Olivetti Rason, il diritto. Io sono figlio di avvocato e fratello di avvocati, la mia è sicuramente una famiglia, dove il codice deontologico si applica per cultura e tradizione e non solo per adozione professionale.
Qual è il suo percorso formativo?
Il mio iter formativo passa dai libri del Liceo per approdare alla mia passione per i temi del diritto civile ed amministrativo oltre che da una imperitura ammirazione per il lavoro svolto da mio padre, non solo come uomo di legge ma soprattutto come rappresentante del professionista che trasmette continuamente energia e passione nel suo lavoro. Io sono stato un po' come Leopardi che si innamora della poesia a discapito dell'erudizione; anche io come lui ho imparato a studiare i classici non più come arido materiale adatto a considerazioni filologiche, ma come a modelli di poesia da studiare… certo il mio ambito è quello del diritto e le mie poesie sono l'applicazione del diritto nel lavoro che svolgo quotidianamente…
Quali lingue parla in modo fluente?
Oltre all'italiano parlato e scritto, che di questi tempi non è scontato, visto la scarsa conoscenza dei giovani e anche dei meno giovani del condizionale o del congiuntivo, ho imparato anche l'inglese ed il francese sia per piacere sia per la ormai comune esigenza di comunicare nella società globale.
L'ATTIVITÀ PROFESSIONALE
Quale ruolo ricopre attualmente?

In questo momento come socio dell'omonimo Studio di famiglia mi occupo soprattutto del settore banking e di quello corporate, infatti sto cercando di sviluppare maggiori competenze possibili in quelle che secondo me ad oggi potrebbero essere i talloni di Achille della preparazione accademica classica dei giuristi italiani e che invece vengono continuamente approfondite sia a livello normativo che di test case dai nostri concittadini europei del mondo anglosassone
Ci descrive una Sua giornata di lavoro?
La mia giornata lavorativa inizia molto presto e finisce purtroppo molto tardi…quello che mi piace però è che quello che potrebbe sembrare ad altri un monotono susseguirsi di giornate tutte uguali in realtà risulta essere un po' come il rondò di Ravel, un bellissimo progredire..
Quale lo strumento tecnologico che predilige per lavoro?
Aimè, un po' come tutti, sono schiavo dei lap top e dei vari smart phone, che forse stanno un po' spersonalizzando questo lavoro da azzeccagarbugli di manzoniana memoria.
PER I GIOVANI
Quale consiglio darebbe ad un giovane che vuole intraprendere la carriera di avvocato?

Viaggiate e confrontatevi più che potete con gli altri in maniera da assorbire il più possibile, come delle vere "spugne"
Quali sono i " fondamentali" (lingue, capacità di relazione, lavoro in team) necessari per un avvocato?
Motivazione in primis e capacità di adattarsi al lavoro in gruppo. La mia weltanschauung di questa professione passa dal confronto e dal continuo scambio di opinioni…e perché no anche dal viaggio inteso come continua ricerca.
DIETRO LA TOGA…

I suoi hobby?
Come dicevo prima non a caso adoro viaggiare e conoscere nuovi posti e nuove persone… sono fortemente convinto che la dinamicità dell'essere sia quello ci contraddistingue nella vita e nel lavoro… comunque quando sono a Firenze gioco anche a tennis e mi piace sempre vincere!

Vetrina