Antonio Tesoro, Studio legale Tesoro

21/03/2018 13:08

L'Avv. Antonio Tesoro è Avvocato Civilista, Componente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione AIGA Tommaso Bucciarelli e coordinatore del Dipartimento Strategia Organizzazione e Marketing per Studi legali. Fondatore e Presidente del C.S.I.G. (Centro Studi Informatica Giuridica) sezione di Messina. Docente e formatore in materia di Diritto delle Nuove Tecnologie, componente della commissione paritetica PCT (Processo Civile Telematico) presso per il Tribunale di Messina. È stato responsabile nazionale del dipartimento PCT AIGA e Membro Tavolo Ministeriale Permanente per lo Sviluppo del PCT



Avvocato, di cosa si occupa il suo studio?

Lo studio si occupa prevalentemente di Diritto Civile, in particolare di diritto del Lavoro e Previdenza, ma ci occupiamo anche di Diritto Successorio e Locatizio, oltre ad occuparmi di esecuzione civili svolgendo anche l'incarico di Custode e delegato alle vendite. Lo studio si avvale inoltre dell'ausilio di collaboratori esterni che seguono il settore Penale e Tributario.

Crede che la Formazione ovvero l'aggiornamento professionale sia importante?

Da sempre credo che la formazione non sia importante ma sia indispensabile, certamente non lo è la formazione obbligatoria gratuita volta esclusivamente a raccogliere crediti formativi. Sono convinto, per esperienza personale, che la vera formazione si possa realizzare mediante Corsi di approfondimento di Alto Livello a pagamento mirati a conseguire una specializzazione settoriale e che esuli degli schemi del diritto classico. Propio per questo ho deciso sin dalla Laurea di occuparmi di diritto delle nuove tecnologie approfondendo la tematica e specializzandomi in questo settore tanto da essere anche formatore in vari corsi.

Quale futuro intravede per l'avvocatura?

Sono stato sempre convinto che il futuro dell'avvocatura risieda da tempo nell'innovazione, deve essere cancellata dal vedere comune la figura dell'avvocato tuttologo, và invece valorizzata la figura dell'Avvocato specialista in quanto oggi l'avvocato deve cambiare il modo di vedere la professione ed anche di gestire il proprio studio. In concreto oggi deve diventare come mi piace chiamarlo: "Avvocato 3.0" che mentre lo stò descrivendo è già diventato 4.0.