societario

Donne in ascesa negli organi societari delle società quotate in mercati regolamentati. Tutti i partiti politici convergono per la proroga della Legge "Golfo Mosca"

26/03/2019 15:52



Avv. Marina Rugolo, Lexellent (www.lexellent.it)


Parecchi studi internazionali, tra cui il Global Gender Gap Report, dimostrano che l'uguaglianza tra uomo e donna nel campo sociale, economico e culturale è ancora lontana.
I primi progressi - secondo l'ultima edizione del rapporto (2018) - si sono registrati ma sono ancora piuttosto timidi e l'Italia occupa l'82esimo posto della classifica rispetto alle altre 144 nazioni mappate, perdendo ben 32 posizioni rispetto al solo anno precedente.
Peraltro, il dato maggiormente negativo riguarda proprio l'aspetto economico - centodiciottesima posizione - soprattutto per la discrepanza relativa allo stipendio percepito dalla donna rispetto all'uomo per lo svolgimento delle medesime mansioni (fattore rispetto al quale il nostro Paese scende nella classifica alla 120esima posizione).

La legge n. 120 del 12 luglio 2011 (la cosiddetta legge "Golfo Mosca")


Nel nostro Paese, con particolare riferimento al ramo societario - uno dei settori in cui il divario tra i due sessi è stato da sempre più difficile da scardinare - le prime modifiche agli artt. 147-ter e 148 del D.lgs. n. 58/1998 sono state introdotte dalla legge n. 120 del 12 luglio 2011, detta "Golfo Mosca".
Tale intervento legislativo aveva il precipuo scopo di ridurre il notevole squilibrio tra i due sessi registrato nei consigli di amministrazione delle società quotate nei mercati regolamentati.
Difatti, sino al 2010 la presenza femminile nei consigli di amministrazione di tali società quotate era pari al 6% mentre oggi - con l'adozione della legge Golfo Mosca - detta percentuale è aumentata sino al 33,5% con punte periodiche del 37%.
La suddetta legge ha per la prima volta previsto un importante cambiamento nel diritto societario italiano ovvero: la previsione per gli organi sociali delle società quotate, la cui scadenza era prevista a far data dal 12 agosto 2012, di essere rinnovati preservando una quota pari ad almeno 1/5 dei propri componenti alle donne.
L'obiettivo era, infatti, quello di prevedere un aumento della componente femminile a partire già dal secondo e terzo rinnovo degli organi societari.

L'arco temporale prefissato e cioè tre mandati consecutivi - sulla scia di una previsione ottimista - avrebbe permesso alle donne di acquisire un ruolo nei consigli di amministrazione, di dimostrare le proprie competenze così da superare il "gender gap".

Gli effetti di tale novità nel panorama legislativo sono stati indubbiamente positivi, anche al di là dell'obiettivo prioritario della parità di genere.

Difatti, oltre alla riduzione degli squilibri di genere, la maggiore presenza femminile nella composizione dei CdA ha anche determinato ulteriori cambiamenti migliorativi in termini di abbassamento dell'età media, di innalzamento del livello di istruzione e di maggiore diversificazione per quanto attiene l'esperienza professionale.

I risultati dimostrano, però, che il processo per superare il "gender gap", per far sì che il genere femminile possa ricoprire parimenti agli uomini posizioni strategiche e di comando è più lungo dei pronostici iniziali.

Cosa prevede la proposta di legge n. 1481 al riguardo?

La proposta di legge n. 1481 presentata il 29 dicembre 2018 finalizzata a riproporre le modifiche agli artt. 147-ter e 148 del Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di cui al D.lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998, in materia di equilibrio tra i sessi negli organi di amministrazione e di controllo delle società quotate in mercati regolamentati è stato depositata in Senato in data 22 febbraio 2019 ed assegnata alla VI Commissione Finanze in sede Referente il 7 marzo 2019.
In particolare, visti i risultati ottenuti con l'applicazione della legge Golfo Mosca e, tenuto anche conto che il nostro Paese è comunque ben lontano dal raggiungimento dell'obiettivo dell'equilibrio tra i sessi, su iniziativa di più deputati è stata presentata la succitata proposta di legge così da prorogare per altri tre mandati l'applicazione delle previsioni introdotte con la legge n. 120/2011, per non vanificare quanto sin qui effettuato.

Infatti, se da un lato è necessaria la temporaneità delle "azioni positive", dall'altro lato il legislatore ha il compito di valutare se l'arl'arco temporale prefissato sia "proporzionale e congruo allo scopo perseguito e in rapporto al contesto sociale, politico e culturale di partenza".

La proroga richiesta è in armonia con le previsioni europee in tema di comunicazione di informazioni da parte di alcune imprese e di alcuni gruppi industriali, recepite nel nostro ordinamento dal D.lgs. 30 dicembre 2016 n. 254, secondo cui la diversità di competenze e punti di vista dei componenti degli organi societari favorisce una maggiore dialettica e conseguentemente un migliore svolgimento delle attività poste in essere dalle società.

Tra l'altro la cessazione di efficacia delle disposizioni di cui alla legge n. 120/2011, creerebbe delle disparità ingiustificate tra società quotate e società a partecipazione pubblica. E ciò in quanto queste ultime avrebbero comunque l'obbligo di attenersi al principio della parità di genere, almeno nella misura di un terzo, nel rispetto di quanto previsto dall'art. 11, comma 4, del testo unico sulle società a partecipazione pubblica, di cui al D.lgs. 19 agosto 2016, n. 175.
Tale iniziativa parlamentare dimostra, pertanto, che il percorso intrapreso con la legge "Golfo-Mosca" va nella giusta direzione, ma occorre una maggiore consapevolezza da parte dell'odierna società del "ruolo" acquisito nel tempo da parte della donna.

Pertanto, la sfida più ambiziosa di tale intervento è quella di far sì che in ambito lavorativo e per tutti i ruoli, le donne possano avere le stesse opportunità degli uomini non solo perché ciò risponde al principio di uguaglianza ma anche perché vari studi dimostrano che il raggiungimento della parità tra i sessi è uno dei fattori di crescita economica del Paese.
È auspicabile, quindi, che tale progetto di legge segua un iter parlamentare veloce, sul quale sono invitate a convergere con determinazione tutte le forze politiche per evitare di vanificare tutti gli sforzi sino a qui compiuti insieme sia dalle donne sia dagli uomini.