"Bocconi Legal Papers": presentazione dei primi due numeri in Freshfields Bruckhaus Deringer

25 febbraio 2014


Si è svolta presso le sale dello studio legale Freshfields Bruckhaus Deringer la presentazione dei primi due numeri di "Bocconi Legal Papers", prima rivista accademica italiana gestita da studenti e riconosciuta dall'Università Commerciale "L. Bocconi" di Milano. L'attività di editing è curata da un gruppo di studenti selezionati tra gli iscritti agli ultimi tre anni del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza presso il medesimo Ateneo, guidato dal dean Professor Stefano Liebman.
Ispirata al modello delle law review americane (in primis Harvard Law Review e The Yale Law Journal), "Bocconi Legal Papers" si propone di promuovere e diffondere la ricerca scientifica giuridica a tutti i livelli. Coerentemente con le proprie finalità, la Redazione della Rivista si occupa non solo di selezionare i migliori contributi tra quelli inviati da giuristi, sia accademici, sia professionisti, italiani e stranieri, ma anche di instaurare un dialogo proficuo con gli autori, finalizzato a un miglioramento formale e sostanziale dell'articolo.
Lo Studio Legale Freshfields Bruckhaus Deringer supporta lo sviluppo di tale progetto, contribuendo ad ampliare i canali di distribuzione dei contributi e a realizzare la versione cartacea. La scelta di investire nel progetto è coerente con l'attenzione che lo Studio da sempre riserva al mondo universitario, in particolare ai giovani meritevoli e di talento. Il sostegno e la collaborazione offerta a "BLP" si affianca all'annuale e ormai consolidato progetto del Premio Freshfields (18 edizioni, dal 1997 al 2014), volto a premiare con una borsa di studio e uno stage lavorativo remunerato i migliori studenti in giurisprudenza delle facoltà italiane.
Soddisfazione per l'incontro è stata manifestata dai diversi protagonisti dell'iniziativa. "L'esperienza è stata davvero stimolante per gli studenti, che hanno potuto per la prima volta confrontarsi con il mondo degli avvocati d'affari. Inoltre, il fatto che fossero presenti all'incontro soci e professionisti dello Studio ha permesso all'Editorial Board di ottenere importanti feedback in merito alle strategie editoriali da adottare nell'immediato futuro", ha commentato Maria Lucia Passador, Editor-in-Chief di BLP. "L'iniziativa ci ha permesso di entrare in contatto con studenti particolarmente motivati e di talento che, grazie all'attività redazionale, hanno l'occasione di sviluppare skill organizzative, tecnico-giuridiche e relazionali molto apprezzate, in una potenziale ottica di recruiting, da una realtà professionale complessa come quella di uno studio legale internazionale" ha confermato Luca Capone, partner dello studio.

Vetrina