Lawlinguists compie 5 anni e raggiunge 1,2milioni di fatturato (+50% vs 2014)

21 dicembre 2015


Dal 2011 aperte 3 Sedi (Milano, Barcellona, New York). Tradotti oltre 2.500 documenti per 10milioni di parole. Obiettivi 2016: crescita del 50% e assunzione di 8 nuovi avvocati
Lawlinguists, prima ed unica agenzia di traduzione creata esclusivamente "da avvocati e per gli avvocati" compie 5 anni. La società, fondata nel 2011 ha tradotto in questo lasso di tempo oltre 2.500 documenti per oltre 10 milioni di parole, aperto uffici a Milano, New York (aprile 2014) Barcellona (gennaio 2015) e raggiunto nel 2015 un fatturato di 1,2 milioni di euro.
Per il 2016 l'obiettivo è la crescita del 50% in termini di fatturato e l'assunzione di 8 nuovi avvocati per portare il numero di collaboratori interni da 12 a 20. Il network comprende oltre 1.000 avvocati professionisti. che offrono traduzioni giuridiche di estrema qualità in oltre 100 combinazioni linguistiche
"Siamo molto felici di questi risultati che premiano il modello di business Lawlinguists" -ha dichiarato Riccardo Massari, avvocato e fondatore di Lawlinguists. "Quando ero associate in diversi studi legali milanesi nel settore M&A, mi capitava spesso di dover fare tradurre documenti giuridici ad agenzie di traduzione. In moltissimi casi sia io che i miei colleghi avvocati notavamo che le traduzioni contenevano diversi errori giuridici, alle volte anche molto gravi, evidentemente perché i traduttori non erano giuristi. Alla fine noi associate anche di notte, correggevamo queste traduzioni. Sapevo, poi, che alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea le traduzioni di documenti e sentenze sono fatte solo da avvocati traduttori (giurilinguisti), ma che non esisteva in Europa una società privata di traduzioni giuridica fatta da giurilinguisti. Nel 2011 riflettendo assieme a Daniel Nagel e Raffaele Sena, entrambi colleghi avvocati, abbiamo deciso di colmare questa lacuna del mercato legale e di fondare Lawlinguists creando una rete di giurilinguisti ed a distanza di 5 anni i risultati ci stanno dando ragione".
Fra i clienti di Lawlinguists, 6 fra i primi 10 studi legali italiani, aziende multinazionali come Siemens, Sony, Mediaset, Tod's, Ansaldo, BSI Banca e due società di calcio: Roma e Fiorentina.
La storia: Lawlinguists è un esempio di startup che ha innovato l'area dei servizi professionali: è stata fondata nel 2011 da due giovani avvocati, Riccardo Massari, e dell'amico Daniel Nagel Rechtsanwalt, tedesco. I due uniti dalla passione per le lingue, condivisa anche da un altro avvocato italiano, Raffaele Sena, che poco dopo si unisce loro in un momento in cui l'economia italiana ed internazionale attraversava la fase più dura della crisi, iniziarono a riflettere sul loro futuro. Il fatto che a Milano vi fossero più avvocati che in tutta la Francia, che il modello di business degli studi legali attraversava delle grandi turbolenze e appunto la passione per la lingue ha fatto si che in breve tempo, i tre avvocati abbiano deciso di scommettere su un servizio del tutto nuovo: traduzioni giuridiche per avvocati e dipartimenti legali di aziende fatti da avvocati. Una analisi di mercato aveva infatti evidenziato come, certamente vi fossero agenzie di traduzioni giuridiche, ma nessuna di queste era formata da Avvocati. Massari, Nagel e Sena decidono quindi di provare ad lanciare questo servizio e lo fanno in modo internazionale creando le basi per sviluppare il primo e unico network costituito esclusivamente da giuristi di tutto il mondo che collaborano per fornire un servizio di traduzioni giuridiche a cura di avvocati multilingue con certificata esperienza sia nella professione legale sia nella traduzione di documenti legali.
Il tempo sembra avergli dato ragione: a Settembre 2015 il primo rapporto sull'avvocatura italiana, realizzato dal Censis per conto della Cassa Forense ha mostrato professionisti feriti dalla crisi con il 44% alle prese con un calo del fatturato nell'ultimo biennio (che sale al 49% se si guarda solo ai legali del Mezzogiorno) e solo un 30% che è riuscito a mantenere stabili i redditi dell'attività professionale.
Lawlinguist grazie a precisione, affidabilità e tempestività ha acquisito in soli 5 anni clienti estremamente prestigiosi: 6 fra i primi 10 studi legali italiani, aziende multinazionali come Siemens e Sony, Mediaset, Tod's, Ansaldo, BSI Banca e due società di calcio: Roma e Fiorentina. inizialmente la società ha aperto a Milano, poi vi è stata poi l'apertura della sedi di New York (aprile 2014) e di Barcellona (gennaio 2015). Oggi Lawlingusts conta 12 dipendenti e un network di oltre 1.000 avvocati professionisti di un età media di 30 anni e costantemente impegnati nella loro formazione ed aggiornamento professionale, che offrono traduzioni giuridiche di estrema qualità in oltre 100 combinazioni linguistiche.

Vetrina