Videosorveglianza nelle RSA, quali implicazioni legali e organizzative

19/06/2017 09:31


Focus sulla disciplina della Regione Lombardia, prima in Italia ad aver erogato contributi per le residenze sanitarie assistenziali e le strutture per disabili
La Regione Lombardia è la prima in Italia ad aver favorito, attraverso l'erogazione di contributi, l'installazione di sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso nelle residenze sanitarie assistenziali (RSA) e nelle strutture residenziali e semiresidenziali per disabili (RSD) pubbliche e private accreditate. Questo per migliorare il livello di sicurezza dei servizi erogati nelle RSA.
Con l'approvazione della legge n. 2 del 22 febbraio 2017, la Regione ha messo a disposizione fondi sino a 1.400.000 euro, utili a finanziare almeno il 50% delle spese sostenute per l'installazione dei sistemi di videosorveglianza.
Per approfondire quali siano le implicazioni sia organizzative sia legali che questa nuova disciplina introduce per le strutture operanti nel territorio lombardo, l'Osservatorio settoriale sulle RSA della LIUC Business School, in collaborazione con lo Studio Legale Previti, ha organizzato il convegno "I sistemi di videosorveglianza nelle RSA alla luce della Legge Regionale n. 2/17", in programma martedì 20 giugno 2017 alla LIUC - Università Cattaneo dalle ore 9 alle 13.
Interverranno, tra gli altri, Luca Degani Presidente UNEBA Lombardia; Antonio Sebastiano Direttore Osservatorio Settoriale sulle RSA, LIUC Business School; Francesca Frezza Avvocato, Responsabile del Dipartimento di Diritto del Lavoro dello Studio Previti – Associazione Professionale e Flaviano Sanzari Avvocato, Responsabile del Dipartimento di Diritto della Comunicazione dello Studio Previti – Associazione Professionale e Marco Farina Avvocato, Esperto in Diritto Penale Commerciale.
L'incontro affronterà le diverse criticità e le responsabilità conseguenti l'installazione dei sistemi di videosorveglianza in strutture di lavoro e di residenza molto particolari quali sono le RSA.
L'Osservatorio Settoriale sulle RSA della LIUC Business School vanta la presenza di oltre 200 Residenze Sanitarie Assistenziali associate, rappresentative di oltre 27.000 posti letto. Sebbene nato con specifica focalizzazione sul contesto lombardo (più dell'85% degli associati), negli anni hanno aderito al progetto anche RSA di altre Regioni, con presenze che vanno da Biella a Vieste, da Ronchi dei Legionari a Vallecrosia.
Da tre anni, inoltre, attraverso un processo di gemmazione, è nato un Osservatorio sulle RSA della Regione Veneto a cui aderiscono oltre 50 Centri di Servizio.