Pavia e Ansaldo per "Focus on Africa: sicurezza alimentare, tutela ambientale e sviluppo sostenibile"

13/06/2018 12:53


Nuove prospettive per le istituzioni e le imprese italiane al business forum organizzato con Confindustria Assafrica & Mediterraneo e l'Università Campus Bio-Medico di Roma
Lo Studio legale Pavia e Ansaldo, in collaborazione con Confindustria Assafrica & Mediterraneo e con il Campus Bio-Medico di Roma, ha organizzato il seminario "Focus on Africa. Sicurezza alimentare, tutela ambientale e sviluppo sostenibile: nuove prospettive per le istituzioni e le imprese italiane", in corso oggi, giovedì 12 giugno, presso l'Associazione Civita, Palazzo Generali, Piazza Venezia 11, Roma.
Si tratta di un'occasione unica di incontro e di confronto sulle tematiche legate all'agroindustria ed alla sicurezza alimentare in Africa, e ai rischi per la salute che possono derivare ai consumatori dall'utilizzo di prodotti agroalimentari di incerta qualità e dubbia provenienza. Al centro del forum anche energia, acqua e sviluppo sostenibile, temi rispetto ai quali molti Paesi africani stanno incrementando piani di sviluppo di interesse per il settore privato ed, in particolare, per quello italiano.
Saranno inoltre approfondite modalità di finanziamento dei progetti industriali in tali ambiti, attraverso gli strumenti messi a disposizione dalle principali istituzioni finanziarie italiane.
L'evento, che si aprirà con i saluti di Raffaele Calabrò, dell'Università Campus Bio-Medico di Roma e di Pier Luigi D'Agata, di Confindustria Assafrica & Mediterraneo, vedrà la partecipazione di diversi Ambasciatori e rappresentanti di spicco delle Ambasciate africane a Roma che realizzeranno un importante momento di Networking con le aziende italiane. Seguirà un keynote speech di Luigi Scordamaglia, Presidente di Federalimentare.
Il convegno, moderato da Laura De Gara, dell'Università Campus Bio-Medico di Roma, dal Professor Francesco Bruno, partner dello Studio legale Pavia e Ansaldo, da Diego Barba, dell'Università Campus Bio-Medico di Roma e dall'Avvocato Mario Di Giulio, partner dello Studio legale Pavia e Ansaldo, sarà costituito da quattro diversi panel, ognuno dei quali legati ad un fondamentale aspetto della sicurezza alimentare, sia normativo che scientifico ed economico.
"In Africa spesso la penuria di cibo è legata all'assenza di adeguate tecniche di coltivazione e conservazione" – ha dichiarato l'Avvocato Mario Di Giulio, partner dello Studio legale Pavia e Ansaldo – "Il cibo è a volte fin troppo biologico nel senso che l'assenza di adeguati trattamenti fa sì che i raccolti siano infestati da contaminanti naturali che li rendono non edibili o nocivi alla salute. Il nostro convegno espone - tra l'altro - le tecnologie ideate e create dai nostri centri di ricerca e dalle università e pone una particolare attenzione sul rispetto dell'uomo e della natura, quale unica chiave per debellare la fame e assicurare un futuro, non solo all'Africa ma all'intera umanità".
"Il contesto legale internazionale sulla food safety si sta evolvendo verso un diritto globale, in cui sono protagonisti assoluti gli Stati, le istituzioni internazionali, ma soprattutto le imprese. Tale nuovo ruolo delle aziende che intendono investire in Africa presuppone la conoscenza di strumenti giuridici, tecnici ed economici che contemplano una diversa visione del business, per un verso radicato sul made in Italy e la qualità delle produzioni, per l'altro aperto a nuovi mercati e frontiere, nonché fortemente legato ad innovazioni di processo", ha aggiunto il Professor Francesco Bruno, partner dello Studio legale Pavia e Ansaldo.
"L'Italia è leader mondiale in molti segmenti dell'agribusiness. Ma accanto alle innovazioni di prodotto e di processo occorre innestare in Africa la cultura industriale italiana ed il modello della PMI, per assicurare uno sviluppo sostenibile e compatibile con le necessità di un continente che nel medio periodo avrà una rilevante crescita demografica ed una classe media sempre più ampia ed a bisogni crescenti" ha sottolineato Pier Luigi d'Agata, Direttore Generale di Confindustria Assafrica & Mediterraneo.
"Oggi parliamo di sicurezza alimentare con il pensiero rivolto all'Africa, mentre alle nostre latitudini ragioniamo di disturbi del comportamento alimentare, obesità ma anche di malnutrizione negli anziani – ha spiegato nel suo intervento il rettore dell'Università Campus Bio-Medico, prof. Raffaele Calabrò - In questo scenario, come Università, siamo chiamati a formare e aggiornare i professionisti e gli imprenditori di oggi e di domani: una missione educativa, una sfida e una responsabilità che avvertiamo con pienezza. Restituire senso e valore alle parole innovazione e sostenibilità è un compito che cerchiamo di portare avanti ogni giorno insieme ai ragazzi che frequentano i nostri corsi di laurea in Scienze dell'alimentazione e nutrizione umana".
"Il miglioramento dello stile alimentare, in termini di salubrità e sicurezza, deve prevedere un lavoro di formazione e informazione rivolto alla popolazione" - sottolinea la prof. Laura De Gara, Presidente del corso di Laurea magistrale in Scienze dell'Alimentazione e della Nutrizione Umana dell'Università Campus Bio-Medico di Roma. "Anche in Africa, interventi di educazione alimentare, adeguati ai contesti specifici, possono essere un valido strumento per il miglioramento delle condizioni di salute della popolazione. In questo contesto, una più stretta collaborazione, anche basata su scambi di studenti, docenti e ricercatori, tra università ed enti di ricerca italiani e africani può rappresentare un nuovo modello di cooperazione internazionale potenzialmente molto efficace".