CENTRO STUDI BORGOGNA:
PROPOSTE PER MISURE URGENTI DI SOSTEGNO AL SISTEMA GIUDIZIARIO

09/03/2020 15:32


Un patto tra Stato e Cittadini per il bene del Paese

L'emergenza epidemica causata dalla diffusione del COVID-19 ha imposto e impone misure sanitarie e di ordine pubblico che non hanno precedenti in Italia. La nostra Regione, in particolare, è individuata quale centro di uno dei focolai più grossi del Paese e per questo motivo il Governo, in accordo con la Regione Lombardia, ha sostanzialmente chiuso qualsiasi attività e addirittura i confini regionali, in entrata e in uscita.


Come Centro Studi Borgogna riteniamo opportuno mettere le nostre competenze in ambito legale a servizio della Società e della Salute come bene comune. A questo proposito, dopo un'attenta analisi delle maggiori difficoltà nelle quali si troveranno i cittadini (e gli "addetti ai lavori") nelle prossime settimane, abbiamo stilato alcune proposte, sia per quanto riguarda il settore giudiziario, sia per quanto riguarda i pubblici servizi in generale.


Ci impegniamo sin da ora, inoltre, a essere d'aiuto per l'individuazione di enti e/o soggetti privati che possano supportare economicamente le Istituzioni e chi ha più bisogno, affinché anche gli ultimi non vengano lasciati soli in una situazione così complessa.


Al contempo, stiamo studiando forme di raccolta fondi in favore delle strutture che più di altre in questo momento necessitano di supporto. Ovviamente, ogni segnalazione verrà immediatamente vagliata e sottoposta al Consiglio Direttivo.


Schema delle Proposte


Misure di sostegno al sistema giudiziario:


1) Sospensione dell'attività giudiziale penale sino a tutto il prossimo mese di giugno, senza esclusione di distretti e sedi, con sospensione sia dei termini processuali di ogni tipo, sia dei termini di prescrizione, facendo salvo ogni diritto maturato alla data del 22 marzo pv (avuto riguardo alla sospensione dei termini già introdotta).


2) Proseguimento dei processi con detenuti, che a garanzia degli imputati non possano essere sospesi, mediante sistemi di videoconferenza.


3) Venga concesso ai detenuti di poter avere colloqui telefonici – anche video - in sostituzione delle visite presso gli Istituti di pena, nella misura più ampia possibile.


4) Nei casi in cui sia possibile, adozione di misure di arresti domiciliari o di altre misure diverse dalla detenzione in carcere. Nei casi ove – per la pericolosità dell'imputato, per il rischio di reiterazione del reato e/o per il pericolo di fuga – si renda assolutamente necessaria la detenzione in carcere, previsione che la stessa avvenga in strutture individuate tra quelle ora meno affollate, fatta salva una preventiva procedura di isolamento per 14 giorni per evitare contagi.


5) Introduzione, ove possibile, del processo telematico nel processo penale con efficacia immediata e, per questi mesi di emergenza, anche come sperimentazione.


6) Sospensione dell'attività giudiziaria civile, sino a tutto il prossimo mese di giugno, senza esclusione di distretti e sedi, con sospensione sia dei termini processuali di ogni tipo, sia dei termini di prescrizione, facendo salvo ogni diritto maturato alla data del 22 marzo pv. Fanno eccezione le sole udienze di discussione nei procedimenti d'urgenza (ex art.700 c. P. C. ), da svolgersi comunque in modalità telematica.


7) Raccomandazione ai Magistrati, considerata la suddetta sospensione delle udienze, di evadere l'arretrato di ordinanze e/o sentenze, dando priorità ai giudizi iniziati oltre quattro anni fa. Utilizzo della forza lavoro dei Magistrati onorari per attività di ausilio agli Uffici Giudiziari, dietro equo indennizzo.


8) Introduzione di agevolazioni e/o misure di sostegno per i professionisti (calcolate in ragione di reddito dichiarato e/o ultimo dato di fatturato dimostrabile).


9) Per tutti gli iscritti all' Albo e che siano in regola con i contributi previdenziali, riconoscimento di agevolazioni sulla Cassa Forense. In particolare, concessione di una moratoria relativa ad ogni scadenza per tutto l'anno corrente, con sospensione quindi di ogni contribuzione per il 2020.


10) Sospensione di ogni versamento IVA e IRPEF sino al prossimo 30 settembre 2020, con diritto a rateizzare i pagamenti fino al 30 settembre 2021, senza interessi e/o penali.


11) Estensione della Cassa Integrazione in deroga per lo staff e il personale di segreteria degli studi professionali, ove in regola con i contributi, sospendendo con efficacia immediata l'obbligo contributivo attuale sino al prossimo 30 settembre (compreso) con diritto a rateizzare i pagamenti fino al 30 settembre 2021 per regolarizzare le posizioni, sanza interessi e/o penali.


12) Concessione di agevolazioni bancarie mediante accordi da sottoscrivere da parte degli Ordini professionali con gli Istituti di credito – ad esempio attraverso il meccanismo delle anticipazioni fatture (ipotizzando in cambio di tali agevolazioni ad esempio l'obbligo di appoggio di almeno il 30% di ogni fattura e obbligo di mantenimento del conto corrente almeno per 24 mesi).


13) Iscrizione all'Ordine degli Avvocati gratuita per il corrente ed il prossimo anno.


14) Riconoscimento di agevolazioni su acquisto di beni strumentali per l'attività forense, con finanziamenti ad hoc agevolati.


15) Concessione di sconti su acquisto di testi - riviste - abbonamenti di natura giuridica.


A fronte di tali agevolazioni di natura economica e sociale, gli Ordini professionali chiederanno agli Avvocati iscritti, che vogliano usufuire di tali agevolazioni, di impegnarsi ad accettare:


1) Un aumento dei contributi previdenziali a partire da gennaio 2022, nella misura massima del 2%.


2) Un aumento del costo di iscrizione all'Ordine professionale a partire da gennaio 2022, nella misura massima del 2%.


3) Di fornire assistenza legale gratuita a tutti i clienti sotto una soglia di reddito pari ad euro 60 mila all'anno fino a giugno 2020 (preparazione atti, denunce e qualsivoglia doc. prodromico ad un giudizio da incardinare dopo la sospensione).


4) La prosecuzione dell'aggiornamento professionale per tutti gli Avvocati attraverso la formazione a distanza (a prezzi calmierati se non gratis) con attestazione di presenza da parte dell'ente organizzatore.


5) Che l'attività ordinaria e non venga effettuata anche nel mese di agosto (processi - consulenze etc ), sempre che le condizioni sanitarie lo permetteranno.


N. B.
PER I REATI COMMESSI DA MARZO 2020 A GIUGNO 2020 NON SI APPLICHERANNO LE ATTENUANTI GENERICHE – CIÒ ALL'EVIDENTE FINE DI INTRODURRE UN DETERRENTE A CHIUNQUE IPOTIZZI DI TRARRE VANTAGGI DAL BLOCCO DELLE ATTIVITA' GIUDIZIARIE DI QUESTI MESI.
*
Per quanto concerne le attività lavorative e sociali non concernenti la professione forense, riteniamo di condividere le linee guida predisposte dalle associazioni di categoria più rappresentative, a partire da Assolombarda che potrete consultare al seguente link:
https://www.assolombarda.it/servizi/assolombarda-e-confindustria/informazioni/corona virus-COVID-19
In attesa che vengano emanate delle Linee Guida o Direttive specifiche da parte del Ministero della Salute riteniamo, in aggiunta a quanto sopra, che sia utile disporre immediatamente - oltre alle misure già intraprese – l'obbligo di utilizzo di mezzi di protezione individuale – guanti usa e getta, mascherine etc. – per tutti i lavoratori negli esercenti pubblici o in qualsiasi altro modo a contatto con la cittadinanza (ad esempio, ma non esaustivamente, nei bar ed esercizi commerciali, per impiegati e dipendenti).
*
Da ultimo, il Centro Studi Borgogna, sempre attento alle iniziative a sostegno dei bisognosi, ritiene indispensabile attivare urgentemente una – efficace – azione di raccolta fondi da destinare all'aiuto di talune Strutture particolarmente "in sofferenza" in queste settimane, e per tale motivo, nel confermare che sono stati avviati i primi canali di interlocuzione con gli Enti Pubblici ai fini della individuazione della migliore iniziativa solidale, invita i propri associati e tutti i cittadini che condividano queste finalità a tenersi aggiornati seguendo il sito e i canali social del Centro Studi, ove verranno pubblicate le istruzioni per partecipare attivamente ed in maniera trasparente alla raccolta fondi.

Vetrina