WHITE & CASE CON ANGELINI NELL'ACQUISIZIONE DI THERMACARE DA GLAXOSMITHKLINE

06/04/2020 14:10


Lo studio legale internazionale White & Case ha assistito Angelini Pharma, azienda farmaceutica italiana tra i principali operatori nei settori farmaceutico e della salute e benessere personale, nel contesto di un'asta competitiva per l'acquisizione dei beni e diritti relativi al business ThermaCare a livello globale (fatta eccezione per il solo Nord America), da GlaxoSmithKlein.

L'acquisizione di ThermaCare è un'operazione chiave nel contesto della creazione della Joint Venture GSK/Pfizer. Nel luglio 2019, la Commissione Europea ha autorizzato l'acquisizione da parte di GSK del Consumer Health Business di Pfizer, a condizione che GSK e Pfizer cedessero ad un acquirente idoneo il business ThermaCare. A seguito di un'asta competitiva e alla conclusione del Monitoring Trustee che ha confermato l'idoneità di Angelini, il 2 marzo 2020 la Commissione Europea ha dato la sua approvazione all'acquisizione di ThermaCare.

Il Gruppo Angelini è un gruppo italiano fondato nel 1919, presente in tutto il mondo e con una consolidata presenza internazionale con marchi come Trittico, Tantum, Aulin, Latuda e Boxagrippal. In Italia è tra le prime aziende farmaceutiche e leader nel mercato dell'automedicazione con marchi come Tachipirina, Moment, Amuchina e Tantum Verde.

ThermaCare è un brand globale di prodotti che utilizzano una tecnologia brevettata che produce calore per alleviare il dolore muscolare, in particolare aiutando il corpo a ricostruire i tessuti danneggiati e accelerando la guarigione. Il business ThermaCare oggetto di acquisizione comprende anche i siti produttivi e di ricerca e sviluppo situati ad Albany (Georgia, USA).

Il team legale interno di Angelini è stato guidato dal General Counsel Enza Maria Cristina Onnis.

Il team di White & Case ha compreso i partner Ferigo Foscari (dell'ufficio di Milano), Michael Immordino (degli uffici di Londra e Milano), Dominic Ross, Monica Holden, Amanda Cowell, Philip Trillmich, Peita Menon (tutti dell'ufficio di Londra), Mark Powell, Axel Schulz (entrambi dell'ufficio di Bruxelles) e Justus Herrlinger (dell'ufficio di Amburgo), Alessandro Seganfreddo (dell'ufficio di Milano), e Alexandra Rogers (dell'ufficio di Bruxelles), insieme agli associate Sara Scapin (dell'ufficio di Milano), Mark Richardson (dell'ufficio di Londra), Nicolò Antonio Miglio, Valerio Bianchi e Ioana Gaga (tutti dell'ufficio di Milano).

Vetrina