III CONGRESSO INTERNAZIONALE GIUSTIZIA PREDITTIVA

Giustizia predittiva: attenzione ai modelli induttivi

01/07/2020 13:24


Tra giuristi, e non solo, è molto attivo anche sulle colonne di questa testata il dibattito sulla Giustizia Predittiva. Con questa espressione si intende, in via prevalente, la possibilità di previsione (e non di adozione!) del provvedimento giurisdizionale attraverso l'ausilio di algoritmi, formule e modelli matematici. Non una formula magica quindi, ma sistemi matematici applicati come una delle possibili risposte all'incertezza del diritto e della sua applicazione.
E' pacifico che il dibattito non miri a sostituire né l'organo giudicante né i difensori, se non altro perché sarebbe una scelta incostituzionale. Piuttosto si vorrebbe
dotare il processo e gli operatori coinvolti di strumenti più potenti, finalizzati sì alla certezza del diritto, ma anche – per effetto – ad assicurare maggiore uguaglianza.

Lo stesso Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha avuto occasione di dichiarare, nei mesi scorsi, che "la prevedibilità delle decisioni costituisce un'aspettativa più che legittima nelle società contemporanee, fondate sullo Stato di diritto".

La prevedibilità, tuttavia, non deve "cristallizzare" il diritto nel tempo, ma renderlo permeabile all'evoluzione sociale. Né l'applicazione di modelli matematici finalizzati ad una "automazione" dell'output potrebbe riguardare tutti i settori del diritto: non può riguardare la sfera affettiva o, comunque, non patrimoniale del diritto di famiglia. Ambiti più percorribili sono invece i contratti, mutui ed interessi anatocistici, società, danni patrimoniali da inadempimento, ecc. Come in effetti la pratica sta già dimostrando.Insomma: è questa la frontiera della c.d. giurimetria, intorno alla quale il dibattito è ormai internazionale.

Molta attenzione andrà posta ai modelli utilizzabili: al momento va diffondendosi un modello di giustizia predittiva basata sul calcolo statistico, che opera sui precedenti giurisprudenziali.
E' un metodo, questo, di natura induttiva, che potrebbe essere rischioso (e per ora non ha prodotto che risultati parziali) perché il nostro sistema applica la legge (c.d. civil law) e non la giurisprudenza (c.d. common law); ed inoltre rischia di "standardizzare" la decisione giudiziaria.

Dai casi estrapola una regola; con il pericolo che essa sia fallace: sia perché non può tenere conto delle novelle normative e dell'evoluzione sociale, sia perché generalizza casi che sono specifici, oltre al fatto che nella sostanza equipara un giudicato ad una legge.

Diversamente opera il modello deduttivo, che parta dalla legge (in conformità al c.d. civil law) per applicarsi al caso. Cosa altro è, infatti, se non un "procedimento algoritmico" l'art. 12 preleggi, obbligatorio per chiunque sia chiamato ad applicare la legge. Tramite l'applicazione dell'articolo 12, l'interprete indaga la volontà legislativa, facendone emergere la ratio di sistema.

Proseguire in questa direzione, in equilibrio tra certezza ed evoluzione, potrebbe essere una via alternativa o parallela di indagine sul tema delicato della prevedibilità della decisione giudiziaria nella consapevolezza che – come Giovanni Mammone, già Primo presidente della Corte di Cassazione, ha avuto modo di evidenziare - "Si tratta di verificare i modelli applicativi proposti, la loro rispondenza alle esigenze degli operatori della giustizia e dei suoi utenti e, soprattutto, di inserire la loro logica applicativa nel quadro dei tradizionali principi che regolano la giurisdizione. Non dimenticando, però, i parametri giuridici e costituzionali da cui parte l'interpretazione della legge".

A questi temi è dedicato il Terzo Congresso internazionale sulla Giustizia Predittiva, organizzato dalla Scuola di Diritto Avanzato, che si terrà il 2 e 3 luglio on line.

di Luigi Viola

Avvocato, è professore di Giurimetria all'Università UniPegaso e autore del Volume "Interpretazione della legge con modelli matematici", già tradotto in inglese, tedesco e spagnolo e Best seller su Amazon

leggi anche:
III CONGRESSO INTERNAZIONALE GIUSTIZIA PREDITTIVA Giurimetria e Interpretazione della legge con modelli matematici

Vetrina