Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza

Riforma della Crisi d'impresa: coglierne le opportunità professionali

| 16/05/2019

Avvocato

Perugia. Mercoledì 15 maggio si è tenuto, presso la splendida sede dell'Istituto Universitario di Mediazione Linguistica, uno degli eventi del più ampio tour formativo «Crisi d'impresa: cambia un mondo», organizzato da Fisco 24 - Il Sole 24 Ore e rivolto a dottori commercialisti ed avvocati, che ha visto come unica tappa umbra la città di Perugia, dopo aver già fatto sosta a Fermo, Trani, Cosenza, Taormina, Palermo, Verona. Nel calendario, per le prossime settimane, Padova e Pescara.
Ampia la partecipazione e notevolissimo l'interesse dimostrato dai professionisti presenti in aula, sia per il format spiccatamente operativo che per i contenuti: metodi, tecniche e strategie per trasformare l'impasse della nuova disciplina sulla crisi d'impresa in un'autentica opportunità professionale per gli operatori coinvolti.
Dopo i saluti iniziali e una breve esposizione da parte dell'Avv. Massimo Brazzi, Vicepresidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Perugia, sul complesso iter legislativo che ha accompagnato la novella legislativa sulla crisi d'impresa e d'insolvenza, per l'intanto culminata nel relativo Codice (D.Lgs. n. 14 del 2019), il Prof. Simone Brancozzi, dell'ODCEC di Fermo, ha illustrato un dettagliato resoconto sui nuovi dati normativi e sulle poco conosciute fasi di allerta predisposte dalla legislazione per l'emersione tempestiva della crisi d'impresa. Il problema principale, oltre a quello più esteso dei nuovi obblighi imposti dalla riformulazione dell'articolo 2086 c.c., è stato focalizzato nell'aspetto afferente alla continuità aziendale.
La misurazione della continuità aziendale, ovvero della capacità dell'impresa di costituire un complesso economico e funzionante destinato a produrre reddito per un prevedibile arco temporale futuro, da semplice raccomandazione da parte dell'ISA 570 ora è diventata cogente: grazie al nuovo Codice il revisore contabile e gli amministratori devono, nell'ambito delle rispettive competenze, misurare la continuità aziendale.
Il relatore si è soffermato sull'innovativo strumento denominato "Cruscotto di Controllo": software cloud basato sulla Balanced Scorecard, misuratore della continuità aziendale in conformità agli obblighi imposti dalle novelle previsioni dell'articolo 2086, comma II, c.c., nonché dagli ISA 210 e 570.
L'evento è stato patrocinato da UNC Umbria - ALI e dall'Istituto Universitario di Mediazione Linguistica, presenti nel panel istituzionale col Prof. Damiano Marinelli e la Dott.ssa Catia Caponecchi. Impeccabile mise en place del Dott. Gianluca Rossini, Agente Il Sole 24 Ore per l'Umbria, nonché dello sfaff della struttura accademica ospitante.