Collaborazione tra CNF e Commissione per le Adozioni internazionali per procedure di adozione con piena garanzia per i minori coinvolti

16 dicembre 2015


Il Cnf con la newsletter n. 280/2015 ha comunicato che:

"Il Consiglio Nazionale Forense e la Commissione per le Adozioni internazionali (cosiddetta CAI), istituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri e che svolge la funzione di Autorità Centrale per la Convenzione de L'Aja del 1993 (Convenzione sulla protezione dei minori e sulla cooperazione in materia di adozioni internazionali), hanno avviato una collaborazione istituzionale per promuovere la tutela dei minori nell'arco di tutta la procedura di adozione.
Il CNF sta lavorando ad un Protocollo di intesa tra le due Istituzioni che sarà firmato a brevissimo e che coinvolgerà lo stesso CNF anche nell'attività di formazione specifica degli operatori degli enti vigilati dalla CAI.
Il protocollo d'intesa è stato predisposto tenendo presente gli obiettivi comuni e le rispettive funzioni ovvero il monitoraggio della correttezza delle procedure, la verifica della salvaguardia della "continuità affettiva" soprattutto in tema di adozioni nazionali e la diffusione della proposta di formazione e non solo informazione dei soggetti coinvolti.
Nella cornice di questo straordinario impegno comune di CNF e CAI, si è svolto il 9 dicembre scorso un incontro a più voci – istituzionali e operative - sul tema delle adozioni internazionali nell'ambito dei rapporti tra Italia e Federazione russa, al quale hanno partecipato, tra gli altri, il presidente del CNF Andrea Mascherin, la presidente della CAI Silvia Della Monica e Veniamin Schaevich Kaganov, Vice Ministro dell'Istruzione e Scienza della Federazione Russa.
Il presidente Mascherin ha sottolineato la rinnovata sensibilità del nuovo Consiglio con riguardo al tema della tutela dei soggetti deboli, primi tra i quali i minori, ed ha assicurato alla rappresentante della CAI tutto l'impegno affinché nella gestione di queste procedure il minore sia protetto.
Silvia Della Monica ha apprezzato molto la disponibilità fattiva dell'Avvocatura istituzionale, confidando nel contributo tecnico-giuridico su un tema di grande impatto sociale.
Hanno partecipato all'incontro il Vice Presidente Giuseppe Picchioni e i consiglieri Francesco Caia, Anna Losurdo e Maria Masi e Carla Secchieri".

Vetrina