Airbnb, Consiglio di Stato rinvia ricorso a Consiglio Ue

19/9/2019 10:39

Il Consiglio di Stato, con l'ordinanza n. 6219 del 18 settembre 2019, ha disposto oggi il rinvio alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea della vertenza promossa da Airbnb individuato come sostituto di imposta. ''Abbiamo da subito inteso offrire ampia collaborazione al legislatore, manifestando i nostri dubbi sia sulla fattibilità tecnica, sia sulla discriminatorietà e la incompatibilità con il diritto europeo della "Legge Airbnb". E' evidente - continua Aibnb - che l'attuale impianto non è per nulla adatto allo scopo, largamente condiviso nella società e nella politica, di ravvivare l'economia Italiana sviluppando quei pagamenti digitali e tracciati che solo una piattaforma come la nostra garantisce. Anzichè attendere passivamente l'esito del giudizio per anni, confidiamo che il rinvio possa riaccendere il dibattito e il confronto con gli operatori per una soluzione legislativa più moderna, equa ed applicabile a tutti - inclusi quelli che consentono anche pagamenti in contante - al tema dell'ospitalità legale''.
''A questo proposito - scrivono ancora - abbiamo avanzato al Ministero delle Finanze la proposta, che ora intendiamo rinnovare, di collaborare sulla condivisione dati, affinché le autorità deputate possano svolgere più efficacemente il loro lavoro. Il nostro scopo ultimo è un'espansione del turismo in Italia, soprattutto quello equo e sostenibile, su cui abbiamo in programma di coinvolgere presto le istituzioni e la community con un grande evento partecipativo, che avrà luogo il prossimo 16 novembre''.

Vetrina