Giudizio di ottemperanza

Legge Pinto, l'avvocato non può surrogarsi al cliente debitore

| 9/10/2019

Trga - Sentenza n. 113/2019

L'avvocato non può agire in proprio contro il Ministero della Giustizia per ottenere l'indennizzo ex lege Pinto, per l'eccessiva durata del processo, al posto del proprio cliente. E ciò anche se, come nel caso specifico, quest'ultimo ha nei suoi confronti un rilevante debito accertato in via giudiziaria. Lo ha stabilito il Trga di Trento, sentenza n. 113/2019 dichiarando, sotto questo profilo inammissibile il ricorso presentato in via surrogatoria dal professionista
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto o Banca Dati Diritto24 .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi Guida Al Diritto il più prestigioso settimanale di documentazione giuridica. Banca Dati Diritto24 la nuova banca dati di Diritto24
Vetrina