CONTRASTO alla LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, le Regioni fissano le distanze minime dai 'luoghi sensibili'

| 29/6/2020

Tar Valle d'Aosta - Sentenza 25 giugno 2020, n. 20

Le Regioni possono intervenire con misure tese a inibire l'esercizio di sale da gioco e di attrazione ubicate al di sotto di una distanza minima da luoghi considerati "sensibili", al fine di prevenire il fenomeno della "ludopatia". Lo ha stabilito il Tar Valle d'Aosta con la sentenza 25 giugno 2020, n. 20, chiarendo che non tutti gli aspetti concernente la disciplina dei giochi leciti ricade nella competenza statale.
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto o Banca Dati Diritto24 .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi Guida Al Diritto il più prestigioso settimanale di documentazione giuridica. Banca Dati Diritto24 la nuova banca dati di Diritto24
Vetrina