la decisione

Recesso del socio, decide il tribunale

| 12/9/2017

Corte di cassazione – Ordinanza 21036/2017

Se un socio recede da una società di persone e questa poi si trasforma in una Srl il cui statuto contenga una clausola compromissoria, non è arbitrabile, ma deve essere devoluta alla giurisdizione ordinaria, la controversia tra il socio e la società, avente a oggetto la liquidazione spettante a detto socio a fronte del suo recesso: lo decide la Cassazione nella ordinanza n. 21036 dell'11 settembre 2017, emessa in sede di regolamento di competenza avverso una sentenza di segno contrario pronunciata da un Tribunale ordinario, presso il quale la causa dovrà dunque essere riassunta.

Il ragionamento che il giudice della legittimità svolge per giungere a tale conclusione ha come premessa la considerazione che (secondo quanto deciso dalla stessa Cassazione con la sentenza n. 5836/2016) il recesso da una società di persone è un atto unilaterale recettizio ...

Continua a leggere sul Quotidiano del diritto