professione

Notartel: professioni certificate via blockchain

| 24/5/2018

L'identità digitale è fatta anche di qualifiche professionali, un tassello cruciale che manca a Spid, il registro per accedere ai servizi della Pubblica amministrazione. Per ovviare a questa carenza Notartel, la società informatica del Notariato italiano, ha messo a punto un prototipo di albo unico delle professioni presentato al Forum PA: un sistema distribuito sotto la gestione dei singoli ordini che utilizza la blockchain per l'accesso a quei servizi per cui è richiesta la certificazione di essere iscritto a quell'albo. Ad abilitare il progetto è quindi la tecnologia alla base del bitcoin, che garantisce la certificazione e l'immutabilità dei dati condivisi, in questo caso in modalità “permissioned”, accessibile solo agli utenti autorizzati: «È un progetto pilota che speriamo di condividere con tutti gli ordini professionali: abbiamo già raccolto la disponibilità informale di commercialisti e avvocati - spiega Michele Nastri, presidente di Notartel -. La certificazione delle funzioni è un aspetto obbligatorio per Spid, la cui implementazione non è stata ancora attivata».

Continua a leggere sul Quotidiano del diritto

Vetrina