la sentenza

Fondi non tracciabili, scatta la comunione

| 25/10/2018

Corte di cassazione - Sentenza 26981/2018

Se un coniuge in regime di comunione legale dei beni utilizza denaro di provenienza “non tracciabile” per il pagamento del prezzo di un suo acquisto, il bene oggetto di tale acquisto è assoggettato al regime di comunione legale dei beni, anche se all'atto di acquisto interviene l'altro coniuge il quale dichiari di consentire l'esclusione di tale acquisto dal regime di comunione legale.
Lo afferma la Cassazione nell'ordinanza n. 26981 del 24 ottobre 2018, nella quale si affronta un tema privo di precedenti in sede di giurisprudenza di legittimità e che è assai rilevante in quanto concerne il frequente caso dell'utilizzo del denaro appartenente a uno solo dei coniugi al fine di pagare il prezzo di un suo acquisto.

Continua a leggere sul Quotidiano del diritto

Vetrina