banche

L’estratto conto non blocca la ripetizione degli accrediti non dovuti

| 20/11/2018

Corte di cassazione - Ordinanza 20 novembre 2018 n. 3000

Sì alla marcia indietro della banca che, a seguito di operazioni finanziarie, abbia accreditato importi maggiorati rispetto al dovuto sul conto corrente dell'investitore. Né il passaggio del tempo – nel caso due anni -, né gli estratti conto regolarmente prodotti e mai contestati impediscono all'istituto di richiedere indietro i versamenti. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, ordinanza n. 3000 di oggi, accogliendo con rinvio il ricorso di Banca Esperia
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto o Banca Dati Diritto24 .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi Guida Al Diritto il più prestigioso settimanale di documentazione giuridica. Banca Dati Diritto24 la nuova banca dati di Diritto24