tutela lavoro

Fumo passivo, Asl Roma deve risarcire eredi dipendente morto di cancro

| 9/8/2019

Corte di cassazione - Sentenza 9 agosto 2019 n. 21287

Anche in assenza di una normativa specifica, sul datore di lavoro grava un obbligo generale di adottare tutte le misure idonee a tutelare la salute dei propri dipendenti. La Sezione Lavoro della Cassazione, sentenza n. 21287 di oggi, ha così respinto il ricorso della "Azienda Usl Roma D" condannata dalla Corte di Appello capitolina a pagare 200mila euro, a titolo di risarcimento, agli eredi di un impiegato deceduto a causa dell'esposizione ad agenti cancerogeni: il fumo passivo di due colleghi ...
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto o Banca Dati Diritto24 .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi Guida Al Diritto il più prestigioso settimanale di documentazione giuridica. Banca Dati Diritto24 la nuova banca dati di Diritto24
Vetrina