Palagiustizia Bari: penalisti a ministro, tempi certi su Polo

9/8/2019 14:27

Gli avvocati penalisti di Bari, "quali cittadini di uno Stato che non riesce in questa terra ad esercitare il potere giudiziario con la giusta dignità", chiedono al ministro della Giustizia "tempi certi e informazioni sul programma dei lavori per la realizzazione del Polo unico" nel capoluogo pugliese. A dieci giorni della firma del nuovo protocollo di intesa che ha individuato una prima disponibilità di fondi pari a 94 milioni di euro, la Camera Penale di Bari chiede l'intervento del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede.

In particolare il presidente della Camera Penale di Bari, l'avvocato Guglielmo Starace, chiede "quando saranno effettivamente disponibili le risorse finanziarie individuate, quali opere dovrebbero essere eseguite con i 94 milioni di euro, se esiste un progetto, un computo metrico, una stima del costo e un cronoprogramma delle opere da eseguire, se sono previste date di consegna differenziate per gli uffici penali, civili e per gli altri uffici giudiziari e in base a quali criteri si può definire 'adeguata' la collocazione provvisoria degli uffici penali dell'immobile di via Dioguardi".
Attualmente, infatti, Procura e Tribunale sono ospitati nella cosiddetta 'soluzione ponte' di via Dioguardi, al quartiere Poggiofranco di Bari, individuata per ospitare gli uffici giudiziari penali (con contratto di 6 anni rinnovabili per un ulteriore sessennio) in attesa della realizzazione del Polo e dopo lo sgombero, un anno fa, per inagibilità per rischio crollo dell'ex Palagiustizia di via Nazariantz.