Patrocinio gratuito

Lo Stato deve anticipare gli onorari a consulenti, notai e custodi

1/10/2019

Corte costituzionale - Sentenza 1° ottobre 2019 n. 217

Gli onorari e le indennità dovuti a consulenti, notai e custodi devono essere, in caso di ammissione al patrocinio a spese dello Stato, direttamente anticipati dall'erario.
Lo ha stabilito la Corte costituzionale che, con la sentenza n. 217 depositata oggi (relatore Aldo Carosi), si è pronunciata sull'articolo 131, comma 3, del Dpr 30 maggio 2002, n. 115.
Si tratta di un parziale mutamento di indirizzo rispetto al precedente che aveva portato al rigetto di altre censure nei confronti della norma oggi dichiarata incostituzionale, ma l'impianto della motivazione è coerente con la pregressa giurisprudenza che aveva escluso che gli oneri conseguenti alla tutela dell'indigente potessero gravare su alcune categorie professionali.
La novità della pronuncia sta nella dichiarazione di incostituzionalità dell'applicazione dell'istituto della "prenotazione a debito", che secondo il precedente indirizzo doveva considerarsi di per sé idonea a soddisfare consulenti, notai e custodi. La Corte ha però riconosciuto che la "prenotazione a debito" impedisce il pagamento degli onorari e delle indennità prima dell'effettivo recupero del credito, il che molto spesso – come nel caso del patrocinio dell'indigente – non può avvenire, con la conseguente esclusione del pagamento della prestazione professionale.

Vetrina