Il Mise aggiorna l'elenco delle attività che restano aperte

26/3/2020 15:13

Il Ministero dello dello Sviluppo Economico a seguito del confronto con il Ministero dell'Economia e delle Finanze e con le sigle sindacali nazionali ha deliberato alcune modifiche all'Allegato 1 del DPCM del 22 marzo 2020 "in modo da consentire, da un lato, la maggior integrazione delle filiere già interessate dall'allegato 1 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 22 marzo 2020 e, dall'altro lato, la sospensione delle attività non ritenute essenziali."

Alle imprese che non erano state sospese dal DPCM 22 marzo 2020 e che, per effetto del nuovo decreto, dovranno sospendere la propria attività, sarà consentita la possibilità di ultimare le attività necessarie alla sospensione, inclusa la spedizione della merce in giacenza, fino alla data del 28 marzo 2020.

Mise - Testo del decreto - Modifiche al DPCM 22 marzo 2020

Vetrina