i dati aggiornati al 3 aprile

Bonus 600 euro: quasi metà degli avvocati (120mila) ha già fatto richiesta

4/4/2020 08:50

In totale, fino alla sera di venerdì 3 aprile, le richieste presentate dai professionisti per il bonus di 600 euro hanno raggiunto quota 375mila, per una spesa di 225mln, dunque superiore alla soglia attualmente finanziata di 200 mln (la cui copertura si ferma a 333.333 domande). Il criterio nell'erogazione sarà quello cronologico. I dati sono riportati oggi dal Sole24Ore.

Il record degli avvocati - In particolare, i l egali continuano a guidare ampiamente la classifica delle richieste con 120mila domande (giovedì erano 111.217) presentate a Cassa forense. Numeri che rappresentanto in modo plastico le condizioni di difficoltà economica in cui versa quasi la metà degli avvocati italiani, gli iscritti all'Istituto di previdenza erano infatti 243mila nel 2018. Mentre sono 24.300 le domande dei commercialisti. Tra le professioni legali spuntano poi anche 330 domande alla Cassa del notariato.

CAMPANIA, AGLI AVVOCATI IN DIFFICOLTÀ UNA TANTUM DI MILLE EURO

Di seguito i numeri delle richieste alle altre Casse private: Enpap-psicologi: 33.000; Inarcassa - ingegneri architetti 79.720; Enpam-medici 20.339, Cassa geometri 40.000, Enpav-veterinari 11.215, Inpgi2-giornalisti 9.100, Enpacl-consulenti del lavoro 8.200, Cassa ragionieri 7.617, Enpab-biologi 6.765, Eppi-periti industriali 4.250, Enpapi-infermieri 4.661, Epap (attuari, chimici, fisici, dottori agronomi e dottori forestali) 3.650, Enpaia-agricoli 1.912; Enpaf--farmacisti 1.041.

Si è avuto dunque l'annunciato sforamento del plafond (giovedì le domande erano state 232.000) la qual cosa preoccupa gli Istituti di previdenza che temono di trovarsi scoperti nel dare subito esecuzione ai pagamenti. Ad ogni modo Alberto Oliveti, presidente dell'Adepp, l'associazione degli enti di previdenza dei professionisti, ha dichiarato di aver avuto rassicurazioni dal Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo: «Mi è stato garantito - ha detto - che in caso di necessità, il fondo sarà rifinanziato, come viene scritto nel decreto del 28 marzo che rimanda all'articolo 126, comma 7 del decreto Cura Italia».


CASSA FORENSE
, NUOVE MISURE DI EMERGENZA


Nella giornata di ieri il Cda di Cassaforense ha adottato all'unanimità una serie di misure straordinarie a favore degli iscritti, "sia sotto il profilo degli adempimenti previdenziali sia per quanto riguarda ulteriori interventi di natura assistenziale e di sostegno alla professione".

IL COMUNICATO DELLA CASSA

Adempimenti previdenziali (dichiarativi e contributivi)
Mod.5/2020: il termine regolamentare per la trasmissione in via telematica del mod. 5/2020, già fissato al 30/9/2020, è differito al 31/12/2020.
Autoliquidazione: il termine per il pagamento dei contributi in autoliquidazione connessi al mod. 5/2020 (riferimento redditi 2019), già sospeso fino al 30/09/2020, è differito al 31/12/2020.

Contributo minimo soggettivo e di maternità per l'anno 2020: differimento dei termini di pagamento, a mezzo MaV, al 31/12/2020, senza applicazioni di interessi e sanzioni.

Misure assistenziali e di supporto alla professione

Il Cda ha deliberato di chiedere al Comitato dei Delegati, Organo competente per Statuto, l'utilizzo del fondo straordinario di 10.000.000 di euro per iniziative a sostegno della professione.

Sono stati inoltre deliberati due bandi straordinari per l'erogazione di contributi per canoni di locazione per lo studio professionale, l'uno riservato a conduttori persone fisiche e l'altro riservato a Studi Associati e Società tra Avvocati con uno stanziamento complessivo di € 5.600.000,00. I bandi prevedono il rimborso del 50% dei canoni corrisposti nel periodo 1° febbraio – 30 aprile 2020.

Convenzione per l'accesso al credito agevolato Banca Popolare di Sondrio per anticipazione economica nella misura massima del 30% del volume d'affari IVA dell'anno 2019 nonché per acquisto di immobilizzazioni materiali ed immateriali necessarie allo svolgimento dell'attività lavorativa nella misura massima del 100% dei preventivi e/o fatture emesse da data non superiore a 30 giorni dalla richiesta di finanziamento.
Convenzione per l'accesso al credito agevolato Banca Nazionale del Lavoro finanziamenti con una durata massima di 17 mesi.
Un impegno di € 3.000.000 al fine di garantire l'accesso al credito degli iscritti tramite fondo di garanzia costituito con CDP.
Estensione della Polizza sanitaria Unisalute con copertura COVID 19 ai video consulti psicologici e di igiene e profilassi.
Implementazione della convenzione VIS VALORE per la consegna domiciliare di farmaci e parafarmaci.
Implementazione del fondo in favore di superstiti e titolari di pensioni dirette cancellati da Albi, indirette e reversibilità da € 50.000 a € 340.000.

Vetrina