Csm: via libera a trasferimento pm Sirignano

22/5/2020 10:44

Con 21 voti favorevoli, e tre voti a favore dell'archiviazione del caso, il Csm ha dato il via libera al trasferimento d'ufficio per il pm della procura nazionale antimafia Cesare Sirignano finito nelle intercettazioni del trojan di Luca Palamara. A favore dell'archiviazione ha votato solo Unicost, la corrente di riferimento di Sirignano e dell'ex presidente dell'Anm Luca Palamara
Sirignano, mai assicurato disponibilità di Borrelli

Sirignano, mai assicurato disponibilità di Borrelli - "Dopo un anno di enorme sofferenza trascorso in silenzio nel doveroso rispetto delle Istituzioni, oggi il CSM ha deliberato il mio trasferimento d'ufficio sulla base di una ricostruzione dei fatti che ieri, nel corso della mia audizione, ho fermamente contestato. Continuerò a svolgere il mio lavoro con passione, impegno e integrità, in qualsiasi ufficio sarò destinato a farlo". Lo dichiara, in una nota, Cesare Sirignano, il magistrato che su decisione del plemun del Csm sarà trasferito dalla Direzione Nazionale Antimafia. "L'unica cosa che mi interessava - continua Sirignano - era che il Consiglio riconoscesse l'insussistenza della accusa più infangante che mi è stata mossa: non ho mai assicurato né millantato la futura disponibilità del dott. Borrelli, se nominato Procuratore di Perugia, ad assecondare i desiderata di Palamara, di cui non ero neanche lontanamente a conoscenza. Resta grande amarezza, anche per la condotta di chi non ha ritenuto di ripristinare la verità, preoccupandosi esclusivamente del suo tornaconto personale".

Vetrina