RISARCIMENTO DEL DANNO

Sinistri stradali, il Cid non costituisce piena prova della responsabilità

| 16/5/2017

Tribunale di Treviso - Sezione 1 - Sentenza 27 marzo 2017 n. 693

La dichiarazione confessoria contenuta nel modulo di constatazione amichevole di incidente stradale, anche se resa dal responsabile del danno, e proprietario del veicolo assicurato, non ha valore di piena prova. Lo ha stabilito il Tribunale di Treviso, con la sentenza 27 marzo 2017 n. 693, affermando che il Cid è comunque soggetto al libero apprezzamento del giudice.
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto o Banca Dati Diritto24 .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi Guida Al Diritto il più prestigioso settimanale di documentazione giuridica. Banca Dati Diritto24 la nuova banca dati di Diritto24
Vetrina