Avvocato Cgue boccia il doppio binario sul caso Ricucci

12/9/2017 15:02

Il sistema italiano del 'doppio binario' di giudizio penale e amministrativo viola il principio, “fondamentale” nel diritto Ue, del 'ne bis in idem'. Quindi per Stefano Ricucci potrebbe decadere la multa da 5 milioni di euro che avrebbe dovuto pagare per manipolazione del mercato all'epoca della tentata scalata a Rcs da parte dei 'furbetti del quartierino'. E' l'estrema sintesi, e conseguenza, del ragionamento con cui l'avvocato generale della Corte europea di giustizia, lo spagnolo Manuel Campos Sanchez Bordona, ha presentato le sue conclusioni su tre separate cause italiane, sottoposte alla Corte per il dubbio che fosse violato appunto il principio che vieta di sottoporre una stessa persona a due processi per lo stesso reato. Le conclusioni non vincolano la Corte (che in genere si esprime entro tre mesi), ma mettono in discussione l'intera costruzione legislativa del 'doppio binario' oltre ad offrire a Ricucci la possibilità di chiudere i suoi conti con la giustizia con la condanna a tre anni patteggiata in sede pensale ed estinta per indulto.