corte ue

Appalti, no alla sostituzione dell'impresa

| 15/9/2017

Cgue – Sentenza C-223/16

Le norme del vecchio Codice appalti (decreto legislativo 163/2006), per i casi nei quali continuano a sopravvivere, vietano la sostituzione dell'impresa ausiliaria che abbia perso i requisiti e impongono l'esclusione automatica dalla gara del suo consorzio. Il principio è stato affermato dalla Corte di Giustizia dell'Unione europea con la sentenza nella causa C-223/16, pronunciata ieri. Non sarà, allora, applicabile a ipotesi che ricadono nel perimetro del vecchio Codice quanto stabilisce il nuovo Dlgs n. 50/2016 che, invece, accetta questo tipo di sostituzione.

Continua a leggere sul Quotidiano del diritto