corte ue

Credito al consumo, obbligo di chiarezza sul termine per recedere

26/3/2020

Corte Ue - Sentenza nella causa C-66/19 del 26 marzo 2020

Nei contratti di credito al consumo le modalità di calcolo del termine di recesso devono essere espresse in modo chiaro e conciso. Lo ha stabilito la Corte Ue, sentenza nella causa C-66/19 del 26 marzo 2020, giudicando un caso tedesco ed aggiungendo che per quanto riguarda le informazioni obbligatorie, la cui comunicazione al consumatore determina il momento a partire dal quale si calcola il termine di recesso, non è sufficiente che il contratto rinvii ad una norma nazionale, la quale, a sua volta, ...
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto o Banca Dati Diritto24 .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi Guida Al Diritto il più prestigioso settimanale di documentazione giuridica. Banca Dati Diritto24 la nuova banca dati di Diritto24
Vetrina