corte ue

Cgue: migranti, Polonia, Ungheria e Repubblica ceca hanno violato le norme su ricollocamenti

| 2/4/2020

Corte Ue - Sentenza 2 aprile 2020 nelle cause riunite C-715/17, C-718/17 e C-719/17

Rifiutando di conformarsi al meccanismo temporaneo di ricollocazione di richiedenti protezione internazionale, la Polonia, l'Ungheria e la Repubblica ceca sono venute meno agli obblighi stabiliti dal diritto dell'Unione. Lo ha stabilito la Corte Ue, con la sentenza 2 aprile 2020 nelle cause riunite C-715/17, C-718/17 e C-719/17,
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto o Banca Dati Diritto24 .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi Guida Al Diritto il più prestigioso settimanale di documentazione giuridica. Banca Dati Diritto24 la nuova banca dati di Diritto24
Vetrina