CORTE UE

Cgue: rischio tortura, stop estradizione dalla Ue anche per cittadini Efta

| 2/4/2020

Corte Ue - Grande sezione - Sentenza 2 aprile 2020 nella Causa C-897/19

No all'estradizione di cittadini extra Ue verso Stati in cui rischiano la pena di morte, o comunque la tortura, se appartengono ad uno Stato dell'European Free Trade Association, parte dell'accordo sullo Spazio economico europeo. Lo ha stabilito la Grande sezione della Corte Ue, con la sentenza del 2 aprile 2020 nella Causa C-897/19, negando l'estradizione verso la Russia di un uomo arrestato dalla Croazia mentre era in vacanza, a cui era stata concessa la cittadinanza islandese (paese Efta).
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto o Banca Dati Diritto24 .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi Guida Al Diritto il più prestigioso settimanale di documentazione giuridica. Banca Dati Diritto24 la nuova banca dati di Diritto24
Vetrina