REATI CONTRO LA PERSONA

La distinzione tra violenza e molestia sta nell'esatta definizione di atti sessuali

| 12/02/2014 11:22

Corte d'Appello di Trento – Sezione Penale – Sentenza 30 luglio 2013, n.219

La condotta consistente nell'inviare ad un soggetto minore numerosi messaggi telefonici quotidiani, anche a sfondo sessuale, nel tenerlo per mano e abbracciarlo in contesti pubblici o conviviali non costituisce "atto sessuale" e, di conseguenza, non integra gli estremi del reato di violenza sessuale di cui all'articolo 609 bis c.p., bensì la fattispecie contravvenzionale di molestia sessuale di cui all'articolo 660 c.p.. Lo ha affermato la Corte d'Appello di Trento con la sentenza 219/2013, relativa ...
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto o Banca Dati Diritto24 .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi Guida Al Diritto il più prestigioso settimanale di documentazione giuridica. Banca Dati Diritto24 la nuova banca dati di Diritto24
Vetrina