gestione non autorizzata

Trattamento rifiuti, il ripristino dell'autorizzazione non scrimina l'attività precedente

| 12/9/2017

Corte di cassazione – Sezione III penale – Sentenza 12 settembre 2017 n. 41528

Scatta il reato di gestione non autorizzata di rifiuti per l'impresa che continui ad esercitare l'attività nel periodo intermedio tra la revoca dell'autorizzazione ed il suo ripristino. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 12 settembre 2017 n. 41528, chiarendo che non può essere neppure invocata la «buona fede» in quanto non si era di fronte a due provvedimenti contrastanti e contemporaneamente esistenti ma soltanto ad una loro successione nel tempo
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto o Banca Dati Diritto24 .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi Guida Al Diritto il più prestigioso settimanale di documentazione giuridica. Banca Dati Diritto24 la nuova banca dati di Diritto24