GESTIONE RIFIUTI

È reato bruciare la ’potatura’ su un altro terreno

| 18/12/2017

Corte di cassazione- Sentenze 18 dicembre 2017 nn. 56281 e 56277

Scatta il reato di attività di gestione di rifiuti non autorizzata per il titolare di una impresa dedita alla sistemazione di parchi, giardini ed aiuole che abbia ripetutamente bruciato su di un terreno di cui aveva disponibilità i rifiuti vegetali prodotti in assenza del titolo abilitativo. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 56277 di oggi, respingendo il ricorso dell'imputato, a cui era stata comminata una ammenda, contro la decisione del Tribunale di Brindisi per fatti accaduti ...
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto o Banca Dati Diritto24 .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi Guida Al Diritto il più prestigioso settimanale di documentazione giuridica. Banca Dati Diritto24 la nuova banca dati di Diritto24
Vetrina