esigenze cautelari

Ristorante abusivo, il sequestro preventivo resiste alla condanna

| 13/2/2018

Corte di cassazione - Sentenza del 13 febbraio 2018 n. 6940

Il ristorante abusivo realizzato dall'hotel per i propri clienti e sottoposto a sequestro preventivo non va restituito al proprietario dopo la condanna in primo grado se le esigenze cautelari non sono cessate. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sentenza del 13 febbraio 2018 n. 6940, superando un precedente orientamento (n. 32714/2015) secondo cui invece quando il tribunale (con la sentenza di condanna) non dispone la confisca, il bene sequestrato va sempre restituito all'avente diritto.
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto o Banca Dati Diritto24 .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi Guida Al Diritto il più prestigioso settimanale di documentazione giuridica. Banca Dati Diritto24 la nuova banca dati di Diritto24
Vetrina