ANATOCISMO

L’ambito di applicazione dell’anatocismo: gli usi contrari e quelli bancari

| 26 Marzo 2013

Tribunale di Padova - Sez. 1 Sen. n. 9 del 03 gennaio 2013


La previsione normativa di cui all'art. 1283 c.c., nella parte in cui stabilisce che gli interessi producono interessi solo se scaduti da almeno sei mesi e comunque a condizione che siano richiesti con domanda giudiziale o con convenzione posteriore alla loro maturazione, riveste carattere imperativo, ma fa salvi gli usi contrari che, tuttavia, al fine di poter superare il precetto codicistico, devono avere carattere normativo. In tal senso deve riconoscersi natura negoziale, e non anche normativa, alla clausola che stabilisce la capitalizzazione trimestrale degli interessi debitori bancari, con conseguente nullità della stessa per contrasto con una norma imperativa ed esclusione, nella ricostruzione dei rapporti tra banca e correntista, di qualsiasi capitalizzazione. (L'operazione predetta comporta nella specie il riconoscimento di un credito in favore dei garanti e, dunque, la revoca del decreto ingiuntivo dagli stessi opposto in quanto avente fondamento su un credito dell'istituto bancario di fatto inesistente).

Il caso

La causa ha ad oggetto l'opposizione al decreto ingiuntivo ottenuto da Tizio nei confronti del debitore principale Caio nonché dei garanti Mevio e Sempronio. Il provvedimento monitorio ingiungeva il pagamento della somma di Euro 199.856,05 quale saldo del conto corrente acceso presso la filiale di Montegalda dell'istituto.

Veniva dichiarata l'interruzione della causa limitatamente al rapporto tra la banca opposta e Caio, nel frattempo dichiarato fallito, mentre il giudizio proseguiva con riferimento al rapporto processuale tra la banca ingiungente ed i garanti.

Quanto alla ricostruzione dei rapporti accesi dalla società debitrice, alla luce dei dubbi sollevati da parte degli opponenti, il c.t.u. ricostruiva che i rapporti intercorrenti tra le parti erano in realtà due: il primo conto veniva aperto in data 31/7/1995 e dal giugno 2008 cambiava numerazione; il secondo conto era un conto anticipi fatture e vedeva contabilizzate esclusivamente operazioni di addebito per anticipi su fatture e corrispondenti accrediti per chiusura delle anticipazioni stesse. Dette operazioni trovavano corrispondenti movimenti di segno contrario nel c/c base.

In sostanza il CTU riteneva che il secondo conto fosse tecnicamente definibile come conto d'appoggio destinato alla gestione della linea di affido per anticipo fatture, con movimentazioni ribaltate sul conto base.

La ricostruzione esposta trovava conferma nella documentazione agli atti ed è stata condivisa dalle parti (memorie conclusionali).



Ambito di applicazione dell’anatocismo

L’art. 1283 c.c. prevede espressamente come “In mancanza di usi contrari , gli interessi scaduti possono produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza, e sempre che si tratti di interessi dovuti almeno per sei mesi.

L'anatocismo è il fenomeno giuridico-contabile rappresentato dal computo sugli interessi scaduti di ulteriori interessi (gli interessi c.d. 'composti'). Il problema economico-contabile che sottende la disciplina normativa è collegato al fatto che, dato un determinato tasso nominale di interesse annuo, l'applicazione degli interessi sugli interessi scaduti (la c.d. capitalizzazione) comporta un innalzamento effettivo del tasso nominale, tanto più elevato quanto più ravvicinati tra loro siano i 'periodi' di capitalizzazione presi in considerazione. Un tasso nominale del 10% annuo, con la capitalizzazione semestrale comporta il tasso effettivo annuo al 10,25%; con capitalizzazione trimestrale il tasso annuo effettivo è pari al 10,38% (Farina, Recenti orientamenti in tema di anatocismo, in RDC, 1991, 757).

La normativa codicistica pone il generale divieto di anatocismo, permettendolo solo a determinate condizioni e con salvezza degli 'usi contrari'.

Il divieto non opera oltre la estinzione del debito principale in quanto il debito d'interessi assume carattere autonomo e perde il connotato dell'accessorietà rispetto all'obbligazione principale: esso diviene, pertanto, un'obbligazione pecuniaria produttiva di interessi, secondo le regole generali sull'adempimento (A. Roma 6.10.1986).

L'anatocismo è ricollegato esclusivamente alle obbligazioni pecuniarie.

Viene, infatti, generalmente escluso che l'anatocismo possa trovare applicazione nelle obbligazioni risarcitorie che hanno ad oggetto i c.d. debiti di valore (è Cassazione Civile, SS.UU., 11065/1992; Cassazione Civile 17813/2002; Cassazione Civile 7082/1994; Cassazione Civile 5506/1994; Cassazione Civile 5423/1992).

Secondo la giurisprudenza di legittimità è possibile applicare l'anatocismo (non operando il relativo divieto) anche sugli interessi cosiddetti compensativi liquidati per un fatto illecito, essendo tale somma una componente del debito complessivo e non un autonomo debito di interessi (è Cassazione Civile, SS.UU., 11065/1992; Cassazione Civile 5423/1992; Cassazione Civile 13508/1991).

La convenzione sulla corresponsione degli interessi anatocistici è valida solo se 'posteriore' alla scadenza degli interessi stessi.

La giurisprudenza ha ritenuto invalida la apposita convenzione che, stipulata successivamente ad un contratto di garanzia e relativa alle obbligazioni derivanti da quel rapporto, prevedeva l'obbligo per la parte debitrice di corrispondere anche gli interessi sugli interessi che fossero maturati in futuro (Cassazione Civile 3805/2004).

Gli interessi anatocistici vanno riconosciuti anche per prestazioni previdenziali omesse, con il limite che vanno calcolati solo sulla somma capitale con esclusione della rivalutazione monetaria (Cassazione Civile 11673/2008).



La domanda giudiziale.

A norma dell'art. 1283 c.c. possono produrre interessi dal giorno della domanda giudiziale solo gli interessi scaduti: ciò significa che gli interessi di un debito certo, ma non liquido, pur maturando nel corso del giudizio promosso per la sua liquidazione, scadono in senso tecnico, cioè divengono esigibili, solo con la pronuncia giudiziale e solo da tale data producono interessi (anatocistici) (Cassazione Civile n. 103/1986).

Nella domanda giudiziale, la cui proposizione è necessaria a norma dell'art. 1283 c.c. per la decorrenza degli interessi anatocistici, rientra anche la richiesta formulata dal creditore nel ricorso per decreto ingiuntivo, ancorché il contraddittorio sia posticipato alla pronuncia del decreto, rilevando esclusivamente il momento della domanda al giudice (Cassazione Civile 9311/1990).

Nella nozione di 'domanda giudiziale' va ricompresa anche qualsiasi ulteriore istanza validamente proposta durante il giudizio di primo grado (Cassazione Civile n. 1964/2002).

La domanda di corresponsione degli interessi anatocistici dev'essere esplicitata senza ambiguità e nel caso di equivocità va disattesa (Cassazione Civile n. 5218/2011).

Va segnalata, infine, l'analitica soluzione offerta dal Tribunale di Napoli 2.3.1995 secondo cui, nell'ipotesi di interessi maturati da oltre sei mesi, e in presenza di espressa richiesta formulata nell'atto introduttivo del giudizio, risultano dovuti gli interessi anatocistici, sempre nella misura legale, anche su tutti gli interessi convenzionali di mora, via via venuti a scadere, maturati durante l'iter processuale, successivamente alla notifica dell'atto di citazione, dal compimento del semestre successivo alla loro scadenza, eccetto che sugli interessi di mora maturati nel semestre antecedente la data di deposito della sentenza.

La dottrina (ORLANDO, Anatocismo giudiziale: una decisione chiara, in GC, 1996, I, 639) ha plaudito a tale indirizzo.

Gli usi contrari. Gli usi bancari. La capitalizzazione trimestrale

Gli usi che, richiamati dall'art. 1283 c.c., consentono l'anatocismo sono esclusivamente gli usi normativi, in quanto operano sullo stesso piano di tale norma.

La giurisprudenza di legittimità aveva sostenuto (fino al marzo 1999, v., però, infra il profondo mutamento intervenuto) che le c.d. norme bancarie uniformi Abi predisposte dalla associazione della categoria bancaria avessero natura normativa e aveva sostenuto che tale qualificazione potesse essere il frutto di una indagine diretta sugli usi normativi da parte della Corte di legittimità che ne poteva, quindi, accertare l'esistenza (essendo usi 'normativi') indipendentemente dalle allegazioni delle parti e dalle considerazioni svolte in proposito dai giudici del merito (iura novit curia).

.... Continua la lettura ne IL MERITO di Lex24
Leggi anche: ANATOCISMO: La parola passa alla Consulta Anatocismo bancario con decorrenza dalla chiusura del conto Anatocismo: la Consulta boccia la prescrizione 'accorciata' dal milleproroghe Anatocismo: scatta la prima disapplicazione del 'salva banche' Anatocismo e Sezioni Unite. n. 24418/2010 Sollevata la questione di legittimità costituzionale del milleproroghe per l'anatocismo bancario OBBLIGAZIONI: Rimedi contro l'anatocismo

Dalle banche dati Lex24 e Guida al Diritto

Norme e Tributi

(19-04-2011, pag. 33 - Parola chiave - Anatocismo)

LEX24

Il Sole 24 Ore - L'Esperto Risponde

(N/A n. 47 del 18-06-2007 - DAL 1994 L'ANATOCISMO SOPPRESSO PER LEGGE)

LEX24

Diritto e Pratica delle Società (archivio)

(N/A n. 22 del 05-12-2005, pag. 78 - Il contratto di mutuo tra usura, buona fede e divieto di anatocismo - IL COMMENTO)

LEX24

Corte di Cassazione, Civile, Sezione 1, Sentenza del 19-08-1983, n. 5409

(Massima redazionale)

LEX24

Tribunale Desio, Civile, Sentenza del 07-04-2003

(Massima redazionale)

LEX24