CONDOMINIO

Le immissioni ed i limiti di tollerabilità in condominio

| 23 Agosto 2013

Art. 844 codice civile - Immissioni

A CURA DELLA REDAZIONE DI LEX24

Un quadro completo, aggiornato e chiaro della disciplina vigente in materia di condominio, locazione, diritti reali e tutte le tematiche attinenti al mondo immobiliare. Approfondimenti e schemi d’autore per soddisfare le esigenze informative e di gestione operativa dei professionisti del settore.

_____________________________________

Non sei ancora abbonato aLex24? Per scoprire come farlo clicca qui

_____________________________________

Se è vero che - in virtù del disposto dell'art. 844 cod. civ. - l'elencazione dei tipi specifici di immissioni non può considerarsi tassativa, se non

nel genere, tuttavia va chiarito - secondo quanto costantemente affermato dalla giurisprudenza di legittimità - che i possibili fenomeni immissivi che ricadono nell'ambito di operatività della norma devono rispondere a precisi requisiti. Più in particolare, la disposizione va limitata alle sole immissioni aventi carattere materiale, indiretto e continuativo, che derivino dall'attività svolta su un fondo del vicino: «il suo dettato è passibile di applicazione, per interpretazione estensiva, a ipotesi che presentino i requisiti: della materialità dell'immissione, e cioè necessità che essa cada sotto i sensi dell'uomo ovvero influisca oggettivamente sul suo organismo (per esempio: radiazioni nocive) o su apparecchiature (per esempio: correnti elettriche e onde elettromagnetiche); del carattere indiretto o mediato dell'immissione, nel senso che essa non consista in un facere in alienum, ma costituisca ripercussione di fatti compiuti direttamente o indirettamente dall'uomo, nel fondo da cui si propaga; dell'attualità di una situazione di intollerabilità, non semplice pericolo di essa, derivante da una continuità, o almeno periodicità, anche se non a intervalli regolari, dell'immissione»...

SEGUE SU Lex24 Consulente Immobiliare 30.4.2013 - n. 1 - p.4 - Fenomeni immissivi e limiti di tollerabilità

________________

LEX24 - GUIDA ON LINE

Condominio, locazione e tutela della proprietà immobiliare (Felcioloni Patrizia)
Immissioni

LEX24 - CODICE DEL CONDOMINIO (Sabatini, Nisi, Porretti)

Schemi d'autore: Immissioni

LEX24 - FORMULARIO (D'Andrea)

Invito al conduttore a non emettere emissioni intollerabili

Rumore - Citazione dinanzi al giudice di pace

__________________

Consulente Immobiliare 30.4.2013 - n. 1 - p.21
Il rumore in condominio e il sistema delle tutele

Consulente Immobiliare 30.4.2013 - n. 1 - p.37
Casistica giurisprudenziale di Pesce Alfredo, Meo Ivan, Pesce Angelo, Jerovante Marta

Ilrumoredurante le ore notturne e diurne rientra tra le principali cause che genera dissidi tra i condomini. La casistica giurisprudenziale, oltre a essere molto vasta, è anche variegata. Nella tabella che segue cercheremo di sintetizzare, senza nessuna pretesa di esaustività, le principali casistiche sottoposte ai Giudici soffermandoci solamente sulla casistica più recente e particolare prodotta negli ultimi anni.

LA CASISTICA GIURISPRUDENZIALE

Giochi dei bambini

Parco giochi sotto casa: il comune che paga per gli schiamazzi dei bambini.
(Cass. civ., Sez. unite,sent. n. 4848 del 27.2.2013)

Pianoforte

Esercitazioni al pianoforte: se l'immissione dirumorenon supera il limite consentito, niente inibizione dell'uso dello strumento: basta una limitazione di orario e l'insonorizzazione. (Cass., sent. n. 9434 dell'11.6.2012)

Deve essere inibita, fino a che non siano realizzate le necessarie opere di insonorizzazione, l'attività canora e pianistica fonte di ripetute immissioni acustiche eccedenti la normale tollerabilità (9 dB rispetto alrumoredi fondo). Ilrumore, soprattutto quello persistente e continuativo di strumenti musicali, provoca un sicuro turbamento del benessere psicofisico, risarcibile in via equitativa come danno biologico. (App. Torino, 23.3.1993)

Il suono di un pianoforte che superi il limite di normale tollerabilità può essere causa di un pregiudizio imminente e irreparabile alla salute dei vicini: deve perciò inibirsi l'uso dello strumento fino a che non siano poste in essere le necessarie misure di insonorizzazione.
(Pret. Milano, 18.2.1993)

Ascensore

Rumori dell'ascensore che superano la soglia di tollerabilità.
(Cass., sent. n. 26898 del 14.12.2011)

Movida notturna schiamazzi, musica alto volume

Risponde della contravvenzione di cui all'art. 659/1 cod. pen. il gestore di un locale che ometta di controllare il volume delle emissioni sonore musicali prodotte all'interno del locale e di impedire schiamazzi da parte degli avventori del locale stesso, in particolare durante l'orario notturno.
(Cass., sent. n. 13599 del 5.4.2011)

Il titolare di un pubblico esercizio risponde penalmente degli schiamazzi e dei rumori provocati dagli avventori fuori dal locale, in quanto è suo dovere “impedire condotte contrastanti con le norme relative alla polizia di sicurezza, mediante il ricorso all'autorità”.
(Cass., sent. n. 45484/2004)

È configurabile il reato previsto dall'art.659, comma 1, cod. pen.nei confronti del gestore di un pubblico locale - nella specie, un pub - la cui attività, per l'abuso di strumenti sonori, disturbi il riposo delle persone, a nulla rilevando che l'attività stessa, da ritenere per sua natura rumorosa, sia stata autorizzata dalla competente autorità amministrativa. (Cass. sent. n. 11310 del 26.2.2008)

Condizionatore

Climatizzatore rumoroso: oltre al limite di legge, il giudice deve guardare allo stato dei luoghi come nel caso del negozio che confina con lo studio legale.
(Cass., Sez. II, sent. n. 939/2011)

La Cassazione, ha condannato un condomino alla pena di € 300,00 di ammenda per avere disturbato la quiete e il riposo dei vicini, per avere utilizzato, anche in ore notturne, un rumoroso impianto di condizionamento dell'aria. (Cass., sent. n. 34240 del 12.7.2005)

Cane

Cane abbaia di notte. Sanzione penale al proprietario che non evita il disturbo ai vicini. (Cass., Sez. I, sent. n. 715/2011)

Tubazioni

Immissioni sonore provenienti dal bagno del vicino.
(Cass., Sez. II, sent. n. 14353 del 3.11.2000)

Caldaia

Immissioni derivate dalla caldaia per l'impianto di riscaldamento a gas metano installato sul vicino balcone.
(Cass. civ., Sez. II,sent. n. 7143 dell'1.8.1997)

Centrale termica

Rimozione della centrale termica condominiale dal luogo in cui era stata installata. (Cass., sent. n. 1485 del 26.2.1996)

Cancello

Rumori prodotti dal funzionamento dello scatto automatico del cancello. (Cass., Sez. II, sent. n. 3223 del 20.3.1995 e n. 4155 del 29.4.1994)

Tipografia

Sono vietate le immissioni di varia natura causate da uno stabilimento tipografico impiantato nei locali del cantinato delcondominio.
(Cass., Sez. II, sent. n. 1195 del 4.2.1992)

Ristorante

Rumore, calore, fumi e odori eccedenti la normale tollerabilità immessi dal sottostante ristorante.
(Cass., Sez. II, sent. n. 49 del 7.1.1992)

Consulente Immobiliare 31.8.2011 - n. 889 - p.1388
CONDOMINIO - Il rumore nel condominio: le novità dalla Cassazione (Bordolli Giuseppe)