INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA

Non serve la forma scritta per ordinare l’acquisto di titoli

30 Gennaio 2013

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 30 gennaio 2013 n. 2185

I contratti relativi alla prestazione di servizi di investimento devono essere redatti per iscritto (articolo 23 del Tuf), non così i singoli ordini, la cui forma è rimessa alla volontà delle parti e di norma è indicata all’interno dello stesso contratto quadro. Con questa motivazione la Corte di cassazione, sentenza 2185/2013, ha bocciato il ricorso di un investitore che chiedeva alla propria banca il risarcimento per un investimento in obbligazioni argentine andato male per difetto del requisito ...
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi

Non sei abbonato e vuoi sapere come fare?

Abbonati