COMPENSI PROFESSIONALI

Il giudice può sempre ridurre l’onorario dell’avvocato se è “sproporzionato”

28 Marzo 2013

Corte di cassazione – Sezione VI civile – Sentenza 28 marzo 2013 n. 7807

“Sussiste sempre la possibilità di concreto adeguamento degli onorari al valore effettivo e sostanziale della controversia, ove sia ravvisabile una manifesta sproporzione con quello derivante dall’applicazione delle norme del codice di rito”. Lo ha stabilito la Corte di cassazione con la sentenza 7807/2013
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi

Non sei abbonato e vuoi sapere come fare?

Abbonati