DISCIPLINARE AVVOCATI

L’azione penale contro il collega avvocato non obbliga ad un supplemento di indagine

Corte di cassazione - Sezioni unite civili - Sentenza 20 gennaio 2014 n. 1002

Non può subire la sanzione della censura o dell’avvertimento l’avvocato che esercitando l’azione penale nei confronti di un collega, per conto di un suo ex cliente, abbia fatto ‘soltanto’ i consueti approfondimenti sul fondamento dell’azione, senza prevedere ulteriori indagini per via del fatto che non si trattava di un quisque de populo ma di un legale. Lo hanno stabilito le Sezioni unite della Cassazione, con la sentenza 1002/2014, accogliendo il ricorso del legale contro la sanzione inferta ...
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi

Non sei abbonato e vuoi sapere come fare?

Abbonati