Minima unità colturale
Codice civile
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 4 aprile 1942, n. 79
Codice civile. [codice civile]
Approvato con R.D. 16 marzo 1942, n. 262

LIBRO TERZO. Della proprietà - TITOLO SECONDO. Della proprietà - CAPO SECONDO. Della proprietà fondiaria - SEZIONE SECONDA. Del riordinamento della proprietà rurale
Articolo 846
Minima unità colturale
Abrogato

[Nei trasferimenti di proprietà, nelle divisioni e nelle assegnazioni a qualunque titolo, aventi per oggetto terreni destinati a coltura o suscettibili di coltura, e nella costituzione o nei trasferimenti di diritti reali sui terreni stessi non deve farsi luogo a frazionamenti che non rispettino la minima unità colturale.

S'intende per minima unità colturale l'estensione di terreno necessaria e sufficiente per il lavoro di una famiglia agricola e, se non si tratta di terreno appoderato, per esercitare una conveniente coltivazione secondo le regole della buona tecnica agraria.]

(1)

 

-----

(1) Il presente articolo è stato abrogato dall'art. 5 bis, D.Lgs. 18.05.2001, n. 228, come inserito dall'art. 7, D.Lgs. 29.03.2004, n. 99, con decorrenza dal 07.05.2004.

Vetrina