Crediti per retribuzioni e provvigioni, crediti dei coltivatori diretti, delle società o enti cooperativi e delle imprese artigiane
Codice civile
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 4 aprile 1942, n. 79
Codice Civile [approvato con R.D. 16.03.1942, n. 262]

LIBRO SESTO. Della tutela dei diritti - TITOLO TERZO. Della responsabilità patrimoniale, delle cause di prelazione e della conservazione della garanzia patrimoniale - Capo secondo - Dei privilegi - Sezione seconda - Dei privilegi su mobili - Paragrafo primo - Dei privilegi generali sui mobili
Articolo 2751 Bis
Crediti per retribuzioni e provvigioni, crediti dei coltivatori diretti, delle società o enti cooperativi e delle imprese artigiane

Hanno privilegio generale sui mobili i crediti riguardanti:

1) le retribuzioni dovute, sotto qualsiasi forma, ai prestatori di lavoro subordinato e tutte le indennità dovute per effetto della cessazione del rapporto di lavoro , nonché il credito del lavoratore per i danni conseguenti alla mancata corresponsione, da parte del datore di lavoro, dei contributi previdenziali ed assicurativi obbligatori ed il credito per il risarcimento del danno subito per effetto di un licenziamento inefficace, nullo o annullabile; (2) (7)

2) le retribuzioni dei professionisti e di ogni altro prestatore d'opera intellettuale dovute per gli ultimi due anni di prestazione; (3)

3) le provvigioni derivanti dal rapporto di agenzia dovute per l'ultimo anno di prestazione e le indennità dovute per la cessazione del rapporto medesimo;

4) i crediti del coltivatore diretto, sia proprietario che affittuario , mezzadro , colono , soccidario o comunque compartecipante, per i corrispettivi della vendita dei prodotti, nonché i crediti del mezzadro o del colono indicati dall'art. 2765;

5) i crediti dell'impresa artigiana, definita ai sensi delle disposizioni legislative vigenti, nonché delle società ed enti cooperativi di produzione e lavoro per i corrispettivi dei servizi prestati e della vendita dei manufatti; (8)

5 bis) i crediti delle società cooperative agricole e dei loro consorzi per i corrispettivi della vendita dei prodotti. (4)

5 ter) i crediti delle imprese fornitrici di lavoro temporaneo di cui alla legge 24 giugno 1997, n. 196 per gli oneri retributivi e previdenziali addebitati alle imprese utilizzatrici. (5) (6)


-----

(1) Il presente articolo è stato aggiunto dall' art. 2 L. 29.07.1975, n. 426 " Modificazioni al codice civile e alla L. 30.04.1969 n. 153 "

(2) E' costituzionalmente illegittimo il numero 1) del presente articolo nella parte in cui non munisce del privilegio generale istituito dall' art. 2 L. 29.07.1975 n. 426 il credito del lavoratore subordinato per danni conseguenti ad infortunio sul lavoro, del quale sia responsabile il datore di lavoro, se e nei limiti in cui il creditore non sia soddisfatto dalla percezione delle indennità previdenziali e assistenziali obbligatorie dovute al lavoratore subordinato in dipendenza dello stesso infortunio (C. cost. 17.11.1983, n. 326).

(3) E' costituzionalmente illegittima la parola "intellettuale", citata nel numero 2) del presente articolo (C. cost. 29.01.1998, n. 1 G.U. 04.02.98 n. 5).

(4) Il numero 5 bis) del presente articolo è stato aggiunto dall' art. 18 L. 31.01.92, n. 59.

(5) Il presente numero è stato aggiunto dall'art. 117, c. 2°, L. 23.12.2000, n. 388 (G.U. 29.12.2000 n. 302, S.O. n. 219).

(6) E' costituzionalmente illegittimo l'art. 2751 bis, numero 1, del codice civile nella parte in cui non munisce del privilegio generale sui mobili il credito del lavoratore subordinato per danni conseguenti a malattia professionale, della quale sia responsabile il datore di lavoro (C. Cost. 29.05.2002, n. 220).

(7) E' costituzionalmente illegittimo l'art. 2751 bis, numero 1, del codice civile, nella parte in cui non munisce del privilegio generale sui mobili il credito del lavoratore subordinato per danni da demansionamento subiti a causa dell'illegittimo comportamento del datore di lavoro (C. Cost. 06.04.2004, n. 113).

(8) Il presente numero è stato sostituito dall'art. 36, D.L. 09.02.2012, n. 5, con decorrenza dal 10.02.2012. Si riporta di seguito il testo previgente: "5) i crediti dell' impresa artigiana e delle società od enti cooperativi di produzione e di lavoro, per i corrispettivi dei servizi prestati e della vendita dei manufatti.

Strumenti e servizi

CERCA UN AVVOCATO