Prescrizione del diritto al risarcimento del danno
Codice civile
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 4 aprile 1942, n. 79
Codice civile. [codice civile]
Approvato con R.D. 16 marzo 1942, n. 262

LIBRO SESTO. Della tutela dei diritti - TITOLO QUINTO. Della prescrizione e della decadenza - CAPO PRIMO. Della prescrizione - SEZIONE QUARTA. Del termine della prescrizione - PARAGRAFO SECONDO. Delle prescrizioni brevi
Articolo 2947
Prescrizione del diritto al risarcimento del danno

Il diritto al risarcimento del danno derivante da fatto illecito si prescrive in cinque anni dal giorno in cui il fatto si è verificato.

Per il risarcimento del danno prodotto dalla circolazione dei veicoli di ogni specie il diritto si prescrive in due anni. (1)

In ogni caso, se il fatto è considerato dalla legge come reato e per il reato è stabilita una prescrizione più lunga, questa si applica anche all'azione civile. Tuttavia, se il reato è estinto per causa diversa dalla prescrizione o è intervenuta sentenza irrevocabile nel giudizio penale, il diritto al risarcimento del danno si prescrive nei termini indicati dai primi due commi con decorrenza dalla data di estinzione del reato o dalla data in cui la sentenza è divenuta irrevocabile.

 

-----

(1) Il presente comma prima sostituito dall'art. 8, D.L. 23.12.2013, n. 145 con decorrenza dal 24.12.2013, è stato ripristinato nel suo testo previgente in virtù di quanto disposto dall'allegato alla legge di conversione L. 21.02.2014, n. 9 con decorrenza dal 22.02.2014.

Vetrina