Forma del riconoscimento
Codice civile
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 4 aprile 1942, n. 79
Codice Civile
Approvato con R.D. 16 marzo 1942, n. 262

LIBRO PRIMO. Delle persone e della famiglia - TITOLO SETTIMO. Dello stato di figlio - CAPO QUARTO. Del riconoscimento dei figli nati fuori dal matrimonio
Articolo 254
Forma del riconoscimento

Il riconoscimento del figlio nato fuori del matrimonio è fatto nell'atto di nascita, oppure con una apposita dichiarazione, posteriore alla nascita o al concepimento, davanti ad un ufficiale dello stato civile [o davanti al giudice tutelare] o in un atto pubblico o in un testamento , qualunque sia la forma di questo. (1) (5)

[La domanda di legittimazione di un figlio naturale presentata al giudice o la dichiarazione della volontà di legittimarlo espressa dal genitore in un atto pubblico o in un testamento importa riconoscimento, anche se la legittimazione non abbia luogo.] (6)

(2) (3) (4)

 

-----

(1) Le parole " o davanti al giudice tutelare", citate nel presente comma, sono state soppresse in virtù del D.Lgs. 19.02.1998 n. 51 in vigore dal 21.03.98 con effetto dal 02.06.99.

(2) Il presente articolo è stato così sostituito dall'art 106 L. 19.05.1975, n. 151.

(3) Ai sensi dall'art. 1, comma 11, L. 10.11.2012, n. 219 con decorrenza dal 01.01.2013, nel Codice Civile le parole "figli legittimi" e "figli naturali", ovunque ricorrono, sono sostituite dalla parole "figli".

(4) La rubrica del Titolo e del Capo cui appartiene il presente articolo è stata così modificata dall'art. 7 D.Lgs. 28.12.2013, n. 154 con decorrenza dal 07.02.2014. Si riporta di seguito il testo previgente: "LIBRO PRIMO. Delle persone e della famiglia - TITOLO SETTIMO. Della filiazione - CAPO SECONDO. Della filiazione naturale e della legittimazione - SEZIONE PRIMA. Della filiazione naturale - PARAGRAFO PRIMO. Del riconoscimento dei figli naturali".

(5) La parola “naturale” del presente comma è stata sostituita dalle seguenti “nato fuori del matrimonio” dall'art. 25 D.Lgs. 28.12.2013, n. 154 con decorrenza dal 07.02.2014.

(6) Il presente comma è stato abrogato dall'art. 25 D.Lgs. 28.12.2013, n. 154 con decorrenza dal 07.02.2014.