False informazioni al pubblico ministero o al procuratore della Corte penale internazionale
Codice penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 26 ottobre 1930, n. 251
Codice penale [codice penale]
Approvato con R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare - TITOLO TERZO. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia - CAPO PRIMO. Dei delitti contro l'attività giudiziaria
Articolo 371 bis
False informazioni al pubblico ministero o al procuratore della Corte penale internazionale

Chiunque, nel corso di un procedimento penale, richiesto dal pubblico ministero o dalla polizia giudiziaria di fornire informazioni ai fini delle indagini, rende dichiarazioni false ovvero tace, in tutto o in parte, ciò che sa intorno ai fatti sui quali viene sentito, è punito con la reclusione fino a quattro anni. (2)

Ferma l'immediata procedibilità nel caso di rifiuto di informazioni, il procedimento penale, negli altri casi, resta sospeso fino a quando nel procedimento nel corso del quale sono state assunte le informazioni sia stata pronunciata sentenza di primo grado ovvero il procedimento sia stato anteriormente definito con archiviazione o con sentenza di non luogo a procedere. (3)

Le disposizioni di cui ai commi primo e secondo si applicano, nell'ipotesi prevista dall'articolo 391-bis, comma 10, del codice di procedura penale, anche quando le informazioni ai fini delle indagini sono richieste dal difensore. (4)

(1) (5)

 

-----

(1) Il presente articolo è stato aggiunto dall'art. 11, D.L. 08.06.1992, n. 306 convertito in legge con modifiche dalla L. 07.08.1992, n. 356.

(2) Il presente comma è stato così modificato prima dall'art. 25, L. 08.08.1995, n. 332 e poi dall'art. 10, comma 4, L. 20.12.2012, n. 237 con decorrenza dal 23.01.2013. Si riporta di seguito il testo previgente:

"Chiunque, nel corso di un procedimento penale, richiesto dal pubblico ministero o dalla polizia giudiziaria di fornire informazioni ai fini delle indagini, rende dichiarazioni false ovvero tace, in tutto o in parte, ciò che sa intorno ai fatti sui quali viene sentito, è punito con la reclusione fino a quattro anni.".

(3) Il presente comma è stato aggiunto dall'art. 25, L. 08.08.1995 n. 332 (G.U. 08.08.1995, n. 184). Secondo l'art. 28 della suddetta legge, la sospensione del procedimento penale prevista dal comma 2 dell'art. 371-bis, non si applica ai procedimenti nei quali, alla data di entrata in vigore della legge stessa, sia stata già esercitata l'azione penale ai sensi dell'art. 405 c.p.p.: in tali casi resta infatti ferma la competenza del tribunale.

(4) Il presente comma è stato aggiunto dall'art. 19, L. 07.12.2000, n. 397 (G.U. 03.01.2001, n. 2) a decorrere dal 18.01.2001.

(5) La rubrica del presente articolo è stata così modificata dall'art. 10, comma 4, L. 20.12.2012, n. 237, con decorrenza dal 23.01.2013. Si riporta di seguito il testo previgente: "False informazioni al pubblico ministero".

 

Vetrina