Circostanze aggravanti
Codice penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 26 ottobre 1930, n. 251
Codice penale [codice penale]
Approvato con R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare - TITOLO DODICESIMO. Dei delitti contro la persona - CAPO TERZO. Dei delitti contro la libertà individuale - SEZIONE SECONDA. Dei delitti contro la libertà personale
Articolo 609 ter
Circostanze aggravanti

La pena stabilita dall'articolo 609-bis è aumentata di un terzo se i fatti ivi previsti sono commessi: (6)

1) nei confronti di persona della quale il colpevole sia l'ascendente, il genitore, anche adottivo, o il tutore; (7)

2) con l'uso di armi o di sostanze alcoliche, narcotiche o stupefacenti o di altri strumenti o sostanze gravemente lesivi della salute della persona offesa;

3) da persona travisata o che simuli la qualità di pubblico ufficiale o di incaricato di pubblico servizio;

4) su persona comunque sottoposta a limitazioni della libertà personale;

5) nei confronti di persona che non ha compiuto gli anni diciotto; (4)

5-bis) all'interno o nelle immediate vicinanze di istituto d'istruzione o di formazione frequentato dalla persona offesa; (2)

5-ter) nei confronti di donna in stato di gravidanza; (3)

5-quater) nei confronti di persona della quale il colpevole sia il coniuge, anche separato o divorziato, ovvero colui che alla stessa persona è o è stato legato da relazione affettiva, anche senza convivenza; (3)

5-quinquies) se il reato è commesso da persona che fa parte di un’associazione per delinquere e al fine di agevolarne l’attività; (5)

5-sexies) se il reato è commesso con violenze gravi o se dal fatto deriva al minore, a causa della reiterazione delle condotte, un pregiudizio grave. (5)

La pena stabilita dall'articolo 609-bis è aumentata della metà se i fatti ivi previsti sono commessi nei confronti di persona che non ha compiuto gli anni quattordici. La pena è raddoppiata se i fatti di cui all'articolo 609-bis sono commessi nei confronti di persona che non ha compiuto gli anni dieci. (8) 

(1)

 

-----

(1) Il presente è stato articolo è stato aggiunto dall'art. 4, L. 15.02.1996, n. 66.

(2) Il presente numero è stato aggiunto dall'art. 3, c. 23, L. 15.07.2009, n. 94 con decorrenza dal 08.08.2009. 

(3) Il presente numero è stato aggiunto dall'art. 1, D.L. 14.08.2013, n. 93, con decorrenza dal 17.08.2013. 

(4) Il presente numero è stato così sostituito prima dall'art. 1, comma 1-ter, D.L. 14.08.2013, n. 93 così come modificato dall'allegato alla legge di conversione L. 15.10.2013, n. 119 con decorrenza dal 16.10.2013, e poi dall'art. 13, comma 2, L. 19.07.2019, n. 69, con decorrenza dal 09.08.2019. Si riporta di seguito il testo previgente:

"5) nei confronti di persona che non ha compiuto gli anni diciotto della quale il colpevole sia l'ascendente, il genitore, anche adottivo, il tutore;".

(5) Il presente comma è stato aggiunto dall'art. 1, comma 2, D.Lgs. 04.03.2014, n. 39 con decorrenza dal 06.04.2014.

(6) Il presente alinea è stato così modificato dall'art. 13, comma 2, L. 19.07.2019, n. 69, con decorrenza dal 09.08.2019. Si riporta di seguito il testo previgente:

"La pena è della reclusione da sei a dodici anni se i fatti di cui all'articolo 609-bis sono commessi:".

(7) Il presente numero è stato così sostituito dall'art. 13, comma 2, L. 19.07.2019, n. 69, con decorrenza dal 09.08.2019. Si riporta di seguito il testo previgente:

"1) nei confronti di persona che non ha compiuto gli anni quattordici;".

(8) Il presente comma è stato così sostituito dall'art. 13, comma 2, L. 19.07.2019, n. 69, con decorrenza dal 09.08.2019. Si riporta di seguito il testo previgente:

"La pena è della reclusione da sette a quattordici anni se il fatto è commesso nei confronti di persona che non ha compiuto gli anni dieci.".

Vetrina