Persone prosciolte di cui sia stato ordinato il ricovero in manicomio
Disposizioni di attuazione del codice penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 1 giugno 1931, n. 125
Disposizioni di coordinamento e transitorie per il codice penale [Disposizioni attuative codice penale]
Approvato con R.D. 28.05.1931, n. 601

TITOLO SECONDO. Disposizioni transitorie
Articolo 50
Persone prosciolte di cui sia stato ordinato il ricovero in manicomio
(Rubrica non ufficiale)

Le persone prosciolte di cui sia stato ordinato il ricovero in un manicomio a termine delle leggi anteriore al codice penale sono trasferite in un manicomio giudiziario. Tale trasferimento non ha luogo quando si tratta di prosciolti da contravvenzioni o da delitti composi o da altri delitti per i quali la legge stabilisce la pena pecuniaria o una pena detentiva per un tempo non superiore nel massimo a due anni.

In ogni caso competente a revoca il provvedimento di ricovero è il giudice di sorveglianza.

Qualora la revoca sia negata perché il prosciolto risulta ancora socialmente pericoloso, si osserva il capoverso dell'articolo 208 del codice penale.

Vetrina