Contrasti tra pubblici ministeri in materia di criminalità organizzata
Codice di procedura penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 24 ottobre 1988, n. 250
Codice procedura penale [codice di procedura penale]
Approvato con D.P.R. 22 settembre 1988, n. 447

LIBRO PRIMO. Soggetti - TITOLO SECONDO. Pubblico Ministero
Articolo 54 Ter
Contrasti tra pubblici ministeri in materia di criminalità organizzata

1. Quando il contrasto previsto dagli articoli 54 e 54-bis riguarda taluno dei reati indicati dall'articolo 51, commi 3-bis e 3-quater, se la decisione spetta al procuratore generale presso la Corte di cassazione, questi provvede sentito il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo; se spetta al procuratore generale presso la Corte d'appello, questi informa il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo dei provvedimenti adottati. (2)

(1)

-----

(1) Il presente articolo è stato aggiunto dall'art. 2, lett. b), D.L. 20.11.1991, n. 367, conv. con mod. dalla L. 20.01.1992, n. 8 recante "Coordinamento delle indagini nei procedimenti per reati di criminalità organizzata".

(2) Il presente comma è stato così modificato dall'art. 9, D.L. 18.02.2015, n. 7, con decorrenza dal 20.02.2015, così come modificato dall'allegato alla legge di conversione, L. 17.04.2015, n. 43 con decorrenza dal 21.04.2015. Si riporta di seguito il testo previgente:

"1. Quando il contrasto previsto dagli articoli 54 e 54-bis riguarda taluno dei reati indicati dall'articolo 51, comma 3-bis, se la decisione spetta al procuratore generale presso la Corte di cassazione, questi provvede sentito il procuratore nazionale antimafia; se spetta al procuratore generale presso la Corte d`appello, questi informa il procuratore nazionale antimafia dei provvedimenti adottati.".