Attività dei servizi sociali nei confronti degli adulti ammessi alla prova
Disposizioni di attuazione del codice di procedura penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 5 agosto 1989, n. 182
Norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale [disposizioni attuative codice procedura penale]
Approvato con D.Lgs. 28.07.1989, n. 271

TITOLO PRIMO. Norme di attuazione - CAPO X-BIS Disposizioni in materia di messa alla prova
Articolo 141 ter
Attività dei servizi sociali nei confronti degli adulti ammessi alla prova

1. Le funzioni dei servizi sociali per la messa alla prova, disposta ai sensi dell’articolo 168-bis del codice penale, sono svolte dagli uffici locali di esecuzione penale esterna, nei modi e con i compiti previsti dall’articolo 72 della legge 26 luglio 1975, n. 354, e successive modificazioni.

2. Ai fini del comma 1, l’imputato rivolge richiesta all’ufficio locale di esecuzione penale esterna competente affinché predisponga un programma di trattamento. L’imputato deposita gli atti rilevanti del procedimento penale nonché le osservazioni e le proposte che ritenga di fare.

3. L’ufficio di cui al comma 2, all’esito di un’apposita indagine socio-familiare, redige il programma di trattamento, acquisendo su tale programma il consenso dell’imputato e l’adesione dell’ente o del soggetto presso il quale l’imputato è chiamato a svolgere le proprie prestazioni. L’ufficio trasmette quindi al giudice il programma accompagnandolo con l’indagine socio-familiare e con le considerazioni che lo sostengono. Nell’indagine e nelle considerazioni, l’ufficio riferisce specificamente sulle possibilità economiche dell’imputato, sulla capacità e sulla possibilità di svolgere attività riparatorie nonché sulla possibilità di svolgimento di attività di mediazione, anche avvalendosi a tal fine di centri o strutture pubbliche o private presenti sul territorio.

4. Quando è disposta la sospensione del procedimento con messa alla prova dell’imputato, l’ufficio di cui al comma 2 informa il giudice, con la cadenza stabilita nel provvedimento di ammissione e comunque non superiore a tre mesi, dell’attività svolta e del comportamento dell’imputato, proponendo, ove necessario, modifiche al programma di trattamento, eventuali abbreviazioni di esso ovvero, in caso di grave o reiterata trasgressione, la revoca del provvedimento di sospensione.

5. Alla scadenza del periodo di prova, l’ufficio di cui al comma 2 trasmette al giudice una relazione dettagliata sul decorso e sull’esito della prova medesima.

6. Le relazioni periodiche e quella finale dell’ufficio di cui al comma 2 del presente articolo sono depositate in cancelleria non meno di dieci giorni prima dell’udienza di cui all’articolo 464-septies del codice, con facoltà per le parti di prenderne visione ed estrarne copia.

(1)

-----

(1) Il presente articolo e il Capo cui esso appartiene è stato inserito dall'art. 5, L. 28.04.2014, n. 67 con decorrenza dal 17.05.2014. 

Vetrina