Intercettazioni di comunicazioni informatiche o telematiche
Codice di procedura penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 24 ottobre 1988, n. 250
Codice procedura penale
Approvato con D.P.R. 22 settembre 1988, n. 447

LIBRO TERZO. Prove - TITOLO TERZO. Mezzi di ricerca della prova - CAPO QUARTO. Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni
Articolo 266 Bis
Intercettazioni di comunicazioni informatiche o telematiche

Nei procedimenti relativi ai reati indicati nell'articolo 266, nonche` a quelli commessi mediante l'impiego di tecnologie informatiche o telematiche, e` consentita l'intercettazione del flusso di comunicazioni relativo a sistemi informatici o telematici ovvero intercorrente tra piu` sistemi (1).

-----

(1) Il presente articolo è stato aggiunto dall'art.11 L. 23.12.1993, n. 547 recante "Modificazioni ed integrazioni alle norme del codice penale e del codice di procedura penale in tema di criminalita` informatica" (G.U. 30.12.1993, n. 305).